Quali settori hanno il più alto tasso di rotazione delle scorte?

[ad_1]

azione turnover Misura la velocità con cui un’azienda acquista e rivende i suoi prodotti (o inventario) dai suoi clienti. Un basso tasso di rotazione delle scorte può indicare una cattiva gestione, pratiche di acquisto o capacità di vendita inadeguate, decisioni sbagliate o accumulo di beni inferiori o obsoleti. perciò, investitore Di solito non mi piace vedere il basso tasso di rotazione delle scorte di un’azienda; può indicare che l’azienda è in difficoltà o si sta dirigendo verso problemi.

Punti chiave

  • Il tasso di rotazione dell’inventario è la velocità con cui un’azienda acquista e rivende l’inventario.
  • La rotazione lenta delle scorte può essere un segno di cattiva gestione o approvvigionamento inefficiente.
  • I settori ad alto volume e a basso margine (come i rivenditori) tendono ad avere i tassi di rotazione delle scorte più elevati.
  • L’alto tasso di rotazione delle scorte indica vendite forti o operazioni efficienti nell’intero settore.

È importante rendersi conto che basso e alto sono correlati solo a un particolare reparto o settore dell’azienda. Non ci sono numeri specifici per indicare cosa costituisce un tasso di rotazione delle scorte completo buono e cattivo; il rapporto ideale varia da dipartimento a dipartimento (anche sottosettore).

Gli investitori dovrebbero sempre confrontare il tasso di rotazione delle scorte di una particolare azienda con il tasso di rotazione delle scorte del suo settore o anche della sua sotto-industria, e quindi determinare se è basso o alto.Ad esempio, tendono ad avere la maggior parte delle industrie Fatturato di inventario Questi sono i negozi con grandi vendite e bassi margini di profitto, come negozi al dettaglio, negozi di alimentari e negozi di abbigliamento.

Calcola fatturato inventario

Esistono due metodi per calcolare la rotazione delle scorte:













Fatturato di inventario

=


Volume delle vendite

azione





begin{allineato} &text{Fatturato inventario} = frac{ text{Vendite} }{ text{Inventario}} end{allineato}


Fatturato di inventario=azioneVolume delle vendite













Fatturato di inventario

=


Costo dei beni venduti

Inventario medio














dov’è:














Costo dei beni venduti

=

Costo dei beni venduti





begin{allineato} &text{Fatturato inventario} = frac{ text{COGS} }{ text{Media inventario}} &textbf{dove:} &text{COGS} = text {costo del venduto} end{align}


Fatturato di inventario=Inventario medioCosto dei beni vendutidov’è:Costo dei beni venduti=Costo dei beni venduti

Utilizzare il primo metodo: se un’azienda ha un inventario annuale di beni per un valore di $ 100.000 e un fatturato annuo di $ 1 milione, il suo tasso di rotazione dell’inventario annuale è 10. Ciò significa che l’azienda rifornisce effettivamente 10 volte in un anno.La maggior parte delle aziende ritiene che sia auspicabile un tasso di turnover tra 6 e 12.

Utilizzare il secondo metodo: se il valore medio annuo delle scorte di un’azienda è di $ 100.000 e Costo dei beni venduti L’azienda è $ 850.000 e il suo tasso di rotazione delle scorte annuale è 8,5. Molti analisti ritengono che il metodo del costo delle merci sia più accurato perché riflette quali articoli nell’inventario costano effettivamente all’azienda.

Esempio di rotazione delle scorte

In settori come i negozi di alimentari, è normale che il turnover delle scorte sia molto elevato.secondo Mercato dei titoli in Cina, Una società di ricerca finanziaria indipendente, l’industria dei negozi di alimentari ha un Inventario medio Il fatturato nella prima metà del 2021 è stato di 17,11 (utilizzando il metodo del costo della merce), il che significa che il negozio di alimentari rifornisce l’intero inventario in media più di 17 volte l’anno.

Questo elevato tasso di rotazione delle scorte è dovuto principalmente al fatto che i negozi di alimentari devono utilizzare profitti unitari più elevati per compensare profitti unitari inferiori. Unita ‘vendute volume. Le vendite di questi tipi di industrie a basso margine quest’anno sono proporzionalmente superiori ai costi di inventario.

Tranne volume alto/basso profitto Per i settori che richiedono un tasso di rotazione delle scorte più elevato per mantenere un flusso di cassa positivo, un tasso di rotazione delle scorte elevato indica anche vendite forti o un’elevata efficienza operativa nell’intero settore. Ciò invia anche un segnale agli investitori che le prospettive del settore sono meno rischiose perché le aziende del settore reintegrano rapidamente liquidità e non saranno disturbate da prodotti che potrebbero diventare obsoleti o obsoleti.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *