Quali sono i tre principali fattori economici necessari per la stagflazione?

[ad_1]

stagflazione Viene spesso indicato come l’esperienza simultanea di tre diversi fenomeni economici negativi: aumento dell’inflazione, aumento della disoccupazione e calo della domanda di beni e servizi.Sebbene ci siano stati diversi casi di economie occidentali che hanno sperimentato la stagflazione nel XIX e XX secolo, molti economisti non credono che la stagflazione possa esistere perché Curva di Phillips, Trattando l’inflazione e la recessione come forze diametralmente opposte.

Il termine “stagflazione” fu reso popolare nel 1965 da Iain Macleod, membro del parlamento britannico, il quale disse alla Camera dei Comuni che l’economia britannica si trovava nel “peggiore dei due mondi”, ovvero stagnazione e inflazioneL’ha definita “una specie di situazione di ‘stagflazione'”. Tuttavia, la stagflazione non era ampiamente conosciuta a livello globale fino alla metà e alla fine degli anni ’70, quando le sei principali economie sperimentarono Periodo di aumento dei prezzi e disoccupazione.

Per combattere adeguatamente la stagflazione quando si verifica, gli economisti devono capire quali sono i fattori trainanti.

Inflazione, disoccupazione e recessione

L’inflazione si riferisce a Fornitura di denaro (Money stock) porta ad un aumento del livello generale dei prezzi dell’economia. Quando più unità monetarie possono essere utilizzate per inseguire la stessa quantità di merci, Legge della domanda e dell’offerta Ogni singola unità monetaria è richiesta per diventare meno preziosa.

Tuttavia, non tutti gli aumenti dei prezzi sono considerati inflazione. I prezzi aumenteranno perché i consumatori hanno bisogno di più beni o perché le risorse scarseggiano. Infatti, i prezzi delle singole merci spesso salgono e scendono. Quando una quantità eccessiva di denaro fa aumentare i prezzi, si parla di inflazione.

disoccupazione Si riferisce alla percentuale della forza lavoro che vuole trovare un lavoro ma non riesce a trovarlo. Gli economisti spesso distinguono tra disoccupazione stagionale o frizionale (che è una parte naturale del processo di mercato) e disoccupazione strutturale (a volte chiamata disoccupazione istituzionale). La disoccupazione strutturale è più controversa; alcune persone credono che il governo debba intervenire per risolvere il problema della disoccupazione strutturale, mentre altri credono che l’intervento del governo sia la causa principale.

recessione economica Di solito è definito come due trimestri consecutivi di crescita economica negativa misurata dal prodotto interno lordo (PIL). Si chiama anche contrazione economica.Questo Ufficio nazionale di ricerca economica (NBER) ha sottolineato che la recessione economica è “un periodo di attività ridotta piuttosto che un’attività ridotta”. In generale, le recessioni sono caratterizzate da un calo della domanda di beni e servizi esistenti, un calo dei salari reali, un aumento temporaneo della disoccupazione e un aumento del risparmio.

Lotta alla stagflazione

Sebbene rara, la stagflazione è una possibile situazione dell’economia. L’ultima volta che è successo negli Stati Uniti è stato negli anni ’70.contemporaneo Politica monetaria o fiscale Incapacità di far fronte alla stagflazione per un periodo di tempo.Strumenti politici prescritti macroeconomia La lotta all’aumento dell’inflazione include la riduzione della spesa pubblica, l’aumento delle tasse, l’aumento dei tassi di interesse e l’aumento dei requisiti di riserva bancaria. Il rimedio per l’aumento della disoccupazione è esattamente l’opposto: aumentare la spesa, ridurre le tasse, abbassare i tassi di interesse e incoraggiare le banche a concedere prestiti.

Per combattere adeguatamente la stagflazione quando si verifica, gli economisti devono capire quali sono i fattori trainanti. Economia Keynesiana Mostra che l’impatto sull’economia come l’aumento dell’energia o delle scorte alimentari porterà alla stagnazione economica.Sebbene Milton Friedman La sua scuola crede che questo sia il risultato dell’espansione accelerata dell’offerta di moneta.

L’economista Robert A. Mundell (Robert A. Mundell) ha proposto una soluzione per combattere la stagflazione. Crede che l’obiettivo sia aumentare la produzione economica limitando l’offerta di moneta. Ciò può essere ottenuto in vari modi, ad esempio abbassando l’aliquota fiscale di società e individui, che aumenterà il loro potere d’acquisto.

I vincoli monetari possono essere raggiunti aumentando le riserve bancarie e prendendo a prestito i tassi di interesse, che limiteranno la capacità di prestito. Entrambi questi scenari genereranno un’elevata domanda di valuta e consentiranno un tasso di espansione più elevato, portando a una crescita non inflazionistica.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *