Quali sono le prospettive a lungo termine per l’industria mineraria e dei metalli?

[ad_1]

Il prezzo dell’oro ha ricevuto la maggior parte dell’attenzione, ma in realtà l’oro è solo una piccola parte dell’industria mineraria e dei metalli. Questa categoria comprende metalli preziosi oro, platino e argento, nonché metalli industriali acciaio, rame e alluminio. L’estrazione mineraria comporta l’estrazione di pietre preziose come carbone, scisto, calcare, gesso, rocce, potassio, ghiaia e argilla e diamanti.

Oro e argento continueranno ad essere Copertura anticiclica Ed essere trattato come porto Durante i periodi di recessione economica, inflazione o politica monetaria incerta.

Questo non vuol dire che il prezzo dell’oro non continuerà a salire e scendere.

La maggior parte delle altre componenti del settore è influenzata dalla domanda del mercato, dalla scarsità di risorse e dall’innovazione dei prodotti.

  • I prezzi dell’oro si sono comportati bene nel 2020, ma la Banca Mondiale prevede che diminuiranno nel 2030, a meno che non si verifichi una recessione economica che spinga gli investitori a fuggire in questo rifugio sicuro.
  • Si prevede che entro il 2030 i metalli industriali e i prodotti minerari come rame e zinco aumenteranno moderatamente.
  • Tra i metalli preziosi, solo il platino dovrebbe apprezzarsi nel prossimo futuro. È sia bello che pratico.

Che fine ha fatto il prezzo dell’oro?

L’oro si è comportato bene durante la pandemia di COVID-19 del 2020, con il suo prezzo in aumento di oltre il 25% rispetto all’anno precedente a 1.740 dollari l’oncia. Ancora una volta ha dimostrato il suo valore come rifugio sicuro.

Potrebbe non durare. Nella previsione dei prezzi mondiali delle materie prime, la Banca Mondiale ritiene che il prezzo dell’oro sia in costante diminuzione di anno in anno e raggiungerà i 1.181 dollari nel 2030.

La previsione si basa sul presupposto che l’economia globale dovrebbe riprendersi dopo la pandemia, il che offre agli investitori ampie opzioni e riduce il desiderio di sicurezza.

La Banca Mondiale è più ottimista sulle prospettive dei metalli e di altri settori dell’industria mineraria (dall’alluminio e dal rame al platino).

Prospettive per l’industria mineraria e dei metalli

Un’analisi della Banca mondiale mostra che i prezzi delle materie prime si sono generalmente ripresi dal livello della pandemia nel primo trimestre del 2021 e dovrebbero rimanere abbastanza stabili per il resto di quest’anno.

Il rapporto ha concluso che i principali progetti infrastrutturali pianificati negli Stati Uniti sono abbastanza grandi da sostenere i prezzi di alcuni metalli, tra cui alluminio, rame e minerale di ferro. La transizione globale verso l’energia pulita è vista anche come un fattore trainante della domanda di metalli utilizzati nelle batterie.

La Banca Mondiale prevede che entro il 2030 i prezzi dei metalli industriali e dei minerali (inclusi alluminio, rame, piombo, nichel, stagno e zinco) saranno stabili ma non aumenteranno in modo sorprendente. Nel sottosettore metallurgico e minerario, solo i prezzi del minerale di ferro dovrebbero scendere.

Metalli preziosi e metalli industriali

Tra i metalli preziosi, i prezzi dell’argento e dell’oro dovrebbero scendere entro il 2030, mentre il platino dovrebbe salire. Vale la pena notare che il platino è a cavallo tra le categorie decorative e industriali. Viene utilizzato per fabbricare strumenti medici e di laboratorio e altri prodotti.

I metalli industriali, come il rame e l’acciaio, continueranno ad essere associati alla crescita economica in Cina e India, anche con i suddetti importanti piani infrastrutturali statunitensi. In effetti, molte delle principali società minerarie del mondo hanno partecipazioni di maggioranza in Cina, India o Brasile. Il loro impatto sui metalli di base e sui prezzi delle azioni minerarie dovrebbe essere considerevole.

Le industrie dei metalli e minerarie non sono dominate dalle compagnie americane. In effetti, le prime cinque sedi del mondo sono tutte all’estero.

Prospettive a lungo termine per i metalli e le società minerarie

Due forze opposte giocano un ruolo nell’industria mineraria e dei metalli: la scarsità di risorse e l’innovazione dei prodotti. Se si aggiunge l’incertezza sulla velocità di ripresa dalla pandemia di COVID-19 a metà del 2021, si dispone di una serie di variabili molto difficili per prevedere l’industria e i suoi attori.

Queste stesse forze competono in qualsiasi mercato delle risorse naturali. Man mano che le riserve di risorse diminuiscono e i costi aumentano, il fabbisogno di capitale dell’intero settore aumenta di conseguenza.

Questo fa aumentare i prezzi. Alla fine, nuovi prodotti, tecnologie, tecnologie o tendenze dei consumatori cambiano il modello dell’industria mineraria e dei metalli.Quando accadrà, alcune aziende si adatteranno meglio di altre e se ne renderanno conto Margine Per i loro prodotti.

Problemi specifici del settore

Le società minerarie devono anche occuparsi di normative ambientali che potrebbero diventare più severe in futuro. Tasse più elevate indurranno alcune persone a ridurre o interrompere la produzione. Alcune aziende, paesi e regioni si adatteranno a queste situazioni meglio di altre.

Il Global Mining Market Report pubblicato nel 2021 prevede che il mercato minerario globale crescerà da 1641,67 miliardi di dollari nel 2020 a 1845,55 miliardi di dollari nel 2021 e 2427,85 miliardi di dollari nel 2025.

Si prega di notare che questo non è un settore industriale dominato dagli Stati Uniti. I primi cinque partecipanti al mondo sono Glencore, con sede in Svizzera; BHP Billiton, una società australiana; Rio Tinto, con sede a Londra; Vale in Brasile e la società cinese Jiangxi Copper.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *