Quali tasse devo pagare per i profitti del gioco d’azzardo?

[ad_1]

Ogni anno, circa il 40% degli adulti americani visita almeno un casinò in una delle dozzine di posti a Las Vegas, Nevada, Atlantic City, New Jersey o da qualche parte nel mezzo, figuriamoci online. I pochi fortunati hanno portato a casa un sacco di soldi.

Ahimè, se vinci un sacco di soldi al gioco d’azzardo, non puoi tenere ogni centesimo. I bonus di gioco sono completamente tassati e l’Internal Revenue Service (IRS) ha modi per garantire che ottenga la sua quota.

Questo non è solo il gioco d’azzardo del casinò. Sono tassabili anche i premi per lotterie, corse di cavalli, scommesse fuori sede, lotterie e spettacoli di giochi.

Se c’è qualche comodità, se specifichi le tue detrazioni, le perdite di gioco sono deducibili. Ma possono solo detrarre l’importo compensato dal tuo bonus e devi essere in grado di dimostrarlo attraverso i tuoi record di bonus e perdite.

Prima di dirigerti verso la Strip di Las Vegas, assicurati di comprendere le leggi fiscali relative al gioco d’azzardo per evitare confusione con l’IRS sulla strada.

Punti chiave

  • Se l’importo della tua vincita supera un determinato importo, il pagatore detrarrà il 24% dalle tue vincite sul posto.
  • Quando invii la tua dichiarazione dei redditi annuale, registrerai il tuo bonus e i pagamenti delle tasse. Quindi, a seconda della tua aliquota fiscale, potresti dover pagare di più o recuperare parte dei soldi.
  • Puoi detrarre le perdite al gioco, ma solo per l’importo delle vincite che riporti. Tieni un buon record!

Come tassare le vincite al gioco d’azzardo

Se vinci una grossa somma di denaro in qualsiasi gioco d’azzardo legittimamente gestito, il pagatore della tua vincita detrarrà il 24% dell’imposta totale e ti fornirà una copia del modulo IRS W-G2 per registrare la transazione.

Cosa significa “un sacco di soldi” nel gioco d’azzardo? Dipende dal gioco. Una slot machine o un gioco del bingo ha un premio di $ 1.200 o più, mentre un gioco di keno ha un premio di $ 1.500. Il premio per la lotteria, il montepremi e la lotteria è di $ 5.000.

In ogni caso, il 24% dell’importo della vincita verrà detratto dal pagamento e inviato direttamente all’IRS, con il modulo W-G2 allegato come documento. Quel 24% è una tassa stimata. Potresti riavere qualcosa in cambio o dover di più.

I bonus per i giochi di abilità come il blackjack non verranno trattenuti immediatamente, ma dovrai comunque dichiarare il reddito e pagare le tasse.

Eccezioni alla regola

I casinò non hanno bisogno di detrarre le tasse o emettere W2-G ai giocatori che hanno vinto grandi premi in alcuni giochi da tavolo (come blackjack, craps e roulette), che sono tutti classificati come giochi di abilità piuttosto che come giochi di opportunità.

Non è chiaro perché l’IRS distingua i requisiti in questo modo. Le slot machine sono giochi d’azzardo, mentre i giochi da tavolo richiedono un certo livello di abilità.

In ogni caso, quando incassi le fiche da un gioco da tavolo, il casinò non può determinare quanti soldi hai quando inizi.

Questo non ti solleva dall’obbligo di segnalare il tuo reddito da lavoro all’IRS. Devi farlo da solo quando invii la tassa per l’anno, non quando ricevi il bonus al casinò.

E assicurati di tenere un buon registro delle attività di gioco, delle perdite e dei guadagni. Se spendi $ 2.000 per vincere $ 2.000, potresti essere in grado di evitare di pagare le tasse.

Segnala le vincite al gioco d’azzardo

Quando sei pronto a pagare le tasse per l’anno in cui hai vinto il bonus di gioco, riporterai il tuo reddito e le tasse pagate sotto “Altri redditi” sul modulo 1040.

Ricorda, il 24% che hai pagato è una tassa stimata. L’importo effettivo che devi (o che rimborserai) dipende dal tuo reddito totale per l’anno.

Attualmente ci sono sette livelli di tassazione. A partire dall’anno fiscale 2021, il tuo reddito personale deve superare $ 164.925 (incluso il tuo bonus) per pagare più tasse sul tuo bonus. Se il tuo reddito totale è inferiore a $ 86.376, puoi persino ottenere dei soldi indietro.

Il casinò segnala le entrate del gioco d’azzardo all’IRS?

Sì, ma devono essere superate determinate soglie affinché il casinò possa segnalare il bonus. La soglia alla quale i bonus di gioco devono essere comunicati all’IRS varia a seconda del tipo di gioco.

All’ippodromo, deve essere segnalato un bonus superiore a $ 600 o 300 volte la puntata iniziale. Per le slot machine e i giochi di bingo, devono essere segnalati tutti i premi superiori a $1.200. In un torneo di poker, il livello è di $5.000.

Tasse per i giocatori d’azzardo professionisti

Se il gioco d’azzardo è l’effettiva occupazione di una persona, i proventi del gioco d’azzardo sono generalmente considerati reddito normale e tassati all’aliquota normale effettiva dell’imposta sul reddito del contribuente.

In qualità di lavoratore autonomo, le entrate e le spese devono essere registrate nell’Allegato C.

I giocatori professionisti possono utilizzare il Programma C (non il Programma A) per detrarre le perdite al gioco come spese di lavoro.

Requisiti fiscali sul reddito da gioco d’azzardo non residenti

L’Internal Revenue Service degli Stati Uniti richiede ai residenti non statunitensi di segnalare i bonus di gioco sul modulo 1040NR. Tale reddito è generalmente tassato con un’aliquota fissa del 30%.

Straniero non residente In genere, le perdite al gioco non possono essere detratte. Esiste un trattato fiscale tra Stati Uniti e Canada. Consente ai cittadini canadesi di detrarre le loro perdite di gioco, fino al loro bonus di gioco.

Le perdite al gioco possono essere detratte?

Ai fini fiscali, puoi detrarre dalle tue vincite i soldi persi a causa del gioco d’azzardo.

Tuttavia, le perdite di gioco superiori alle tue vincite non possono essere considerate come detrazioni fiscali. Quando perdi la tua maglietta a Las Vegas, non c’è alcun lato positivo in termini di riduzione dell’onere fiscale.

Lo stato tassa i bonus di gioco?

Alcuni stati richiedono che i vincitori di gioco ricevano bonus di gioco nello stato in cui hanno vinto.

La maggior parte degli stati tassa tutti i redditi guadagnati nel loro stato, indipendentemente da dove vivi.

Inoltre, il tuo stato ti richiederà di segnalare i bonus, ma fornirà crediti o detrazioni per le tasse che sono state pagate a stati non residenti.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *