Quali vale la pena scambiare durante la giornata?

[ad_1]

Gli spread sono un fattore importante per la redditività Operazioni in valuta esteraQuando confrontiamo lo spread medio con l’esercizio medio giornaliero, sorgono molte domande interessanti. Prima di tutto, alcune valute sono più favorevoli per il trading rispetto ad altre coppie di valute. In secondo luogo, gli spread al dettaglio sono molto più difficili nelle transazioni a breve termine di quanto alcuni si aspettassero. Terzo, uno spread più ampio non significa necessariamente che la coppia di valute non sia valida come sostituto di uno spread più basso nel day trading. Lo stesso vale per gli spread più piccoli: il trading non è sempre migliore di spread più grandi.

Punti chiave

  • Per gli spread di trading giornalieri, alcune coppie di valute sono migliori di altre ed è inutile trarre conclusioni sulla negoziabilità in base alla dimensione dello spread (grande e piccolo).
  • La conversione dello spread in una percentuale dell’intervallo giornaliero consente al trader di vedere quale coppia fornisce il miglior valore in termini di spread rispetto allo spread giornaliero.
  • I day trader attivi possono negoziare con lo spread più basso come percentuale dello spread potenziale più grande.
  • I trader possono monitorare le variazioni medie giornaliere per vedere se le transazioni durante i periodi di bassa volatilità hanno un potenziale di profitto sufficiente per rendere redditizie le transazioni attive (con spread).

Stabilire una linea di base

Per capire con cosa abbiamo a che fare e quali coppie di valute sono più adatte al day trading, linea di base bisogno. Per questo, lo spread viene convertito in una percentuale dell’intervallo giornaliero.Questo ci permette di confrontare lo spread con lo spread massimo idea Il potenziale risiede nel trading intraday di quella particolare coppia di valute.Sebbene i numeri sottostanti riflettano i valori che esistono in un periodo di tempo specifico, il test può essere applicato in qualsiasi momento per vedere quali valori Coppia di valute Fornisce il miglior valore in termini di spread dal potenziale spread giornaliero. Il test può essere utilizzato anche per coprire periodi di tempo più o meno lunghi.

Questi sono i valori giornalieri e gli spread approssimativi al 7 aprile 2010 (gli spread variano in base al broker). Al variare della variazione media giornaliera, cambierà anche la percentuale di variazione giornaliera rappresentata dallo spread. Anche le variazioni degli spread influenzeranno la percentuale.

Nota: nel calcolo della percentuale, lo spread è stato modificato da Gamma giornalieraQuesto per riflettere che i clienti al dettaglio non possono acquistare al prezzo giornaliero più basso Offerta Mostra sul loro grafico.

EUR/USD

Intervallo medio giornaliero (12): 105

Diffusione: 3

  • Spread in percentuale dello spread potenziale più grande: 3/102= 2,94%

USD/JPY

Intervallo medio giornaliero (12): 80

Diffusione: 3

  • Spread in percentuale dello spread potenziale più grande: 3/77= 3,90%

GBP/USD

Intervallo medio giornaliero (12): 128

Diffusione: 4

  • Spread in percentuale dello spread potenziale più grande: 4/124= 3,23%

EUR/JPY

Intervallo medio giornaliero (12): 121

Diffusione: 4

  • Spread in percentuale dello spread potenziale più grande: 4/117= 3,42%

USD/Dollaro canadese

Intervallo medio giornaliero (12): 66

Diffusione: 4

  • Spread come percentuale dello spread potenziale più grande: 4/62 = 6,45%

USD/CHF

Intervallo medio giornaliero (12): 98

Diffusione: 4

  • Spread in percentuale dello spread potenziale più grande: 4/94 = 4,26%

GBP/JPY

Intervallo medio giornaliero (12): 151

Diffusione: 6

  • Spread in percentuale dello spread potenziale più grande: 6/145= 4,14%

Quali coppie di valute vengono scambiate

Quando lo spread è espresso come percentuale del movimento medio giornaliero, lo spread può essere molto significativo e avere un grande impatto sulle strategie di trading intraday.Questo è spesso trascurato Commerciante Chi pensa che siano transazioni gratuite perché non c’è Comitato.

Se i trader sono attivamente impegnati nel day trading e si concentrano su una determinata coppia di valute, è probabile che scambino con lo spread più basso come percentuale dello spread potenziale maggiore.Questo EUR/USD GBP/USD mostra il miglior rapporto tra le coppie di valute analizzate sopra. L’EUR/JPY è anche tra le migliori tra le coppie valutarie studiate.Sebbene Sterlina ingleseLo spread tra /USD e EUR/JPY è di 4 punti, mentre lo spread tra USD/JPY è di 3 punti.

in queste circostanze USD/Dollaro canadeseC’è anche uno spread di quattro punti, che è una delle peggiori coppie di valute nel trading intraday, e lo spread rappresenta gran parte dell’intervallo medio giornaliero. Le coppie di valute come queste sono più adatte per le fluttuazioni a lungo termine, dove più fluttua la coppia di valute, meno significativo è lo spread.

Aggiungi un po’ di realismo

Il calcolo di cui sopra presuppone che l’intervallo giornaliero sia acquisibile, il che è estremamente improbabile. Basandosi solo sulle opportunità e sull’intervallo di fluttuazione media giornaliera di EUR/USD, la probabilità di scegliere massimi e minimi è molto inferiore all’1%. Sebbene le persone possano pensare alla loro capacità di trading, anche i day trader esperti non possono catturare meglio l’intervallo dell’intera giornata e non devono farlo.

Pertanto, dobbiamo aggiungere un po’ di realismo ai nostri calcoli, considerando che la possibilità di scegliere alti e bassi precisi è estremamente ridotta. Supponendo che è improbabile che un trader esca/entri nel 10% superiore dell’intervallo medio giornaliero, né sia ​​probabile che esca/entri nel 10% inferiore dell’intervallo medio giornaliero, ciò significa che i trader hanno l’80% dell’intervallo disponibile gamma per loro. Entrare e uscire da quest’area è più realistico che poter entrare direttamente nei massimi o nei minimi giornalieri.

L’80% dell’intervallo medio giornaliero viene utilizzato nel calcolo per fornire i seguenti valori per la coppia di valute. Queste figure dipingono un ritratto molto notevole.

EUR/USD

  • Gli spread rappresentano la percentuale di possibili spread (80%): 3/81,6= 3,68%

USD/JPY

  • Spread in percentuale dello spread potenziale più grande: 3/61.6 = 4,87%

GBP/USD

  • Gli spread rappresentano la percentuale di possibili spread (80%): 4/99,2= 4,03%

EUR/JPY

  • Spread che rappresentano la percentuale di spread possibili (80%): 4/93.6= 4.27%

USD/Dollaro canadese

  • Gli spread rappresentano la percentuale di possibili spread (80%): 4/49,6= 8,06%

USD/CHF

  • Gli spread rappresentano la percentuale di possibili spread (80%): 4/75,2= 5,32%

GBP/JPY

  • Spread che rappresentano la percentuale di spread possibili (80%): 6/116= 5,17%

Fatta eccezione per il tasso di cambio leggermente inferiore all’EUR/USD, oltre il 4% del range di oscillazione giornaliero viene inghiottito dallo spread. In alcune coppie di valute, se si considera che i trader potrebbero non essere in grado di selezionare con precisione entrata/uscita entro il 10% dei massimi e dei minimi dell’intervallo giornaliero stabilito, lo spread è una parte importante dell’intervallo giornaliero.

Linea di fondo

I trader devono sapere che gli spread rappresentano gran parte dell’intervallo medio giornaliero di molte coppie di valute. Quando si considerano i possibili prezzi di entrata e di uscita, lo spread diventa più importante.I trader, in particolare quelli che fanno trading in un breve periodo di tempo, possono monitorare l’andamento medio giornaliero per verificare se il trading nel periodo di bassa volatilità ha un potenziale di profitto sufficiente e può effettivamente realizzare un profitto Transazione attiva (C’è una differenza di prezzo) Ne vale la pena.

Secondo i dati, EUR/USD e GBP/USD hanno lo spread e il rapporto di variazione più bassi, ma i trader devono aggiornare i dati regolarmente per vedere quali coppie di valute valgono la pena di essere scambiate e quali non valgono la pena di essere scambiate rispetto ai loro spread.Le statistiche cambieranno nel tempo volatilità, La comunicazione diventa meno importante. È importante tenere traccia dei dati e capire quando vale la pena fare trading e quando no.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *