Quando i talebani arrivarono a Kabul, gli Stati Uniti e gli alleati si precipitarono per evacuare il personale

[ad_1]

Aggiornamento Afghanistan

Dopo che i talebani si sono trasferiti rapidamente nella capitale afghana, gli Stati Uniti e i suoi alleati hanno accelerato il ritiro del personale diplomatico e civile da Kabul durante il fine settimana.

Domenica, gli insorti talebani sono arrivati ​​alla periferia di Kabul, gli Stati Uniti hanno evacuato i diplomatici dalla propria ambasciata in elicottero e il ministro del governo afghano ha dichiarato che il potere sarebbe stato trasferito al governo ad interim.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato sabato che oltre ai 1.000 rimasti in Afghanistan e ai 3.000 spediti la scorsa settimana, saranno dispiegati 1.000 soldati per supportare l’evacuazione.

Biden ha avvertito i talebani che “qualsiasi azione intrapresa sul campo in Afghanistan che metta a rischio il personale americano o la nostra missione sarà soggetta a una risposta militare rapida e potente da parte degli Stati Uniti”.

Il segretario di Stato americano Anthony Brinken ha dichiarato che i diplomatici verranno trasferiti all’aeroporto”, ma ha insistito sul fatto che gli Stati Uniti manterranno la loro principale presenza diplomatica.

Blincoln ha confutato l’affermazione secondo cui l’evacuazione frettolosa degli Stati Uniti riecheggia gli ultimi giorni della guerra del Vietnam, dicendo: “Questo ovviamente non è Saigon”.

Un funzionario della difesa occidentale ha riconosciuto che le prossime 24 ore sono critiche e potrebbero essere “abbastanza lunghe”, a seconda che i talebani consentano agli Stati Uniti e ai loro alleati di evacuare le persone senza impedimenti.

Il generale Richard Ballance, l’ex capo del comando delle forze armate britanniche, ha avvertito che l’aeroporto di Kabul sarebbe stato estremamente schiacciato mentre i paesi tentavano di evacuare il personale.

“Il problema militare è che l’esercito occidentale può difendere la periferia dell’aeroporto”, ha detto Ballance al Financial Times. “Ma a meno che i militari non controllino anche il metodo di volo in aeroporto, l’evacuazione sicura dipende dal consenso dei talebani. Se hai un missile antiaereo, allora sei in un gioco diverso”.

Ballance ha affermato che un controverso processo di evacuazione potrebbe significare maggiori operazioni militari da parte degli alleati occidentali, coinvolgendo più truppe.

La Germania ha anche evacuato la sua ambasciata all’aeroporto della città e lunedì dispiegherà 300 soldati per evacuare i cittadini e i dipendenti afgani locali, nota come la più grande missione del genere nella storia della Bundeswehr.

Il ministero degli Esteri ha dichiarato che domenica l’ambasciata tedesca a Kabul è stata chiusa a causa del “drammatico deterioramento della situazione della sicurezza”. Ha anche affermato che la parte civile dell’aeroporto internazionale di Kabul è stata chiusa.

Emirates ha affermato che il volo per Kabul domenica è stato costretto a tornare a Dubai, mentre flydubai ha sospeso i servizi.

Il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas ha dichiarato alla Bild che la rapida evacuazione dei diplomatici tedeschi e di altri dipendenti è una priorità assoluta. “Non rischieremo che la nostra gente cada nelle mani dei talebani”, ha detto.

Il Regno Unito ha annunciato la scorsa settimana che invierà 600 soldati a Kabul per accelerare l’evacuazione dei diplomatici britannici e del personale locale. Un funzionario della difesa britannico ha detto domenica che la maggior parte dello schieramento è arrivato.

L’Ufficio degli affari esteri, del Commonwealth e dello sviluppo ha confermato che l’ambasciatore Sir Laurie Bristol è ancora a Kabul. Un portavoce ha dichiarato: “Stiamo facendo del nostro meglio per consentire ai restanti cittadini britannici che vogliono lasciare l’Afghanistan di lasciare l’Afghanistan”.

Un funzionario ha affermato che i diplomatici britannici “continuano a lavorare fuori dall’ambasciata”, ma non ha potuto dire per quanto tempo continueranno a farlo.

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha convocato domenica una riunione del Comitato di emergenza Cobra per discutere della situazione in Afghanistan e anche il Parlamento è stato richiamato.

La Francia ha affermato che continuerà i suoi sforzi per salvare i cittadini francesi e centinaia di civili afgani che stanno servendo come traduttori e altri ruoli.

Secondo l’Eliseo, tra maggio e luglio di quest’anno, oltre alle centinaia che sono state prese dal 2013, 625 afgani e le loro famiglie hanno beneficiato di una nuova iniziativa per accogliere e proteggere gli esuli francesi.

Al contrario, secondo l’agenzia di stampa nazionale TASS, l’ambasciata russa a Kabul ha dichiarato di non vedere lo sviluppo della città come una minaccia e non è necessario evacuare in questo momento.

L’ambasciata russa ha dichiarato a TASS: “La situazione a Kabul è un po’ tesa, ma non c’è guerra in questa città”. I talebani hanno promesso domenica di garantire la sicurezza dell’ambasciata russa a Kabul.

“Abbiamo buoni rapporti con la Russia. In generale, la nostra politica è garantire il funzionamento sicuro della Russia e di altre ambasciate”, ha affermato un funzionario talebano citando i talebani.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *