Quando potrebbe essere negativo?

[ad_1]

Se il capitale circolante della società può essere negativo Attività correnti Inferiore alle sue passività correnti.Il capitale circolante è calcolato come le attività correnti della società e Passività correntiQuesta situazione può verificarsi se le attività correnti della società sono significativamente ridotte a causa di una grande quantità di denaro versato in una volta o le passività correnti aumentano a causa di un significativo aumento della linea di credito. è possibile pagare per questi account.

Capire il capitale circolante

Il capitale circolante influenzerà l’efficienza degli investimenti a lungo termine dell’azienda e la sua solidità finanziaria in termini di passività a breve termine. Il capitale circolante rappresenta i fondi che un’azienda deve attualmente finanziare le sue esigenze operative dirette, come i suoi obblighi nei confronti dei suoi fornitori, scorta, e crediti.

Anche i risconti attivi fanno parte del capitale circolante.In corso Valutazione, Alcuni professionisti degli investimenti ritengono che il capitale circolante non monetario rettificato non includa Liquidità e mezzi equivalenti, Investimenti a breve termine ed eventuali finanziamenti e debiti con scadenza entro l’anno.

Il capitale circolante è calcolato sulla base delle attività correnti nette, ma l’importo netto potrebbe non essere sempre positivo. Può essere zero o addirittura negativo. Pertanto, diverse quantità di capitale circolante influenzeranno lo stato finanziario della società in modi diversi.

Il capitale circolante misura la capacità di un’azienda di gestire i propri obblighi finanziari a breve termine.

Capitale circolante

Quando una società ha più attività correnti che passività correnti, ha un capitale circolante positivo. Avere un capitale circolante sufficiente garantisce che l’azienda possa rimborsare completamente le sue passività a breve termine entro i prossimi 12 mesi. Questo è un segno della solidità finanziaria dell’azienda.

Tuttavia, avere troppo capitale circolante in scorte invendute e inutilizzate o crediti non riscossi in passato Volume delle vendite, È un modo inefficiente di utilizzare le risorse importanti dell’azienda.

I fondi aggiuntivi immagazzinati nelle scorte o nei crediti non sono finanziati da passività a breve termine ma da capitale a lungo termine e dovrebbero essere utilizzati per investimenti a lungo termine per migliorare l’efficienza degli investimenti. Pertanto, la chiave è mantenere il livello ottimale di capitale circolante per bilanciare la forza finanziaria richiesta e benefici di investimento soddisfacenti. Per raggiungere questo obiettivo, il capitale circolante viene solitamente mantenuto tra il 20% e il 100% delle passività correnti totali.

Capitale circolante zero

Quando una società ha esattamente la stessa quantità di attività e passività correnti, il capitale circolante è zero. Ciò è possibile se le attività correnti della società sono interamente finanziate dalle passività correnti. Il capitale circolante zero o il mancato utilizzo di fondi a lungo termine per scopi a breve termine può migliorare l’efficienza degli investimenti, ma rappresenta anche un grave rischio per la solidità finanziaria dell’azienda.

Quando le passività maturano, alcune attività correnti potrebbero non essere convertite in liquidità facilmente e rapidamente, come le scorte illiquide. Mantenere alcune risorse liquide aggiuntive garantirà che l’azienda possa pagare le bollette in tempo.

Punti chiave

  • Il capitale circolante è la differenza tra le attività correnti della società e le passività correnti.
  • Se le passività correnti sono maggiori delle attività correnti, il capitale circolante può essere negativo.
  • In situazioni in cui grandi pagamenti in contanti riducono le attività correnti o forniscono grandi quantità di credito sotto forma di conti da pagare, può verificarsi un capitale circolante negativo.
  • Quando le attività correnti sono maggiori delle passività correnti, il capitale circolante è positivo; quando le attività correnti sono pari alle passività correnti, il capitale circolante è zero.

Capitale circolante interno negativo

Capitale circolante negativo e Rapporto attuale, Il suo metodo di calcolo è l’attivo corrente della società diviso per le sue passività correnti. Se il rapporto corrente è inferiore a 1, le passività correnti superano le attività correnti e il capitale circolante è negativo.

Se il capitale circolante è temporaneamente negativo, di solito indica che l’azienda può sostenere una grande spesa in contanti o un aumento significativo dei debiti a causa di un gran numero di acquisti di prodotti e servizi dai fornitori.

Tuttavia, se il capitale circolante è negativo per lungo tempo, alcuni tipi di società potrebbero preoccuparsene, indicando che stanno lottando per sbarcare il lunario e devono fare affidamento sul prestito o sull’emissione di azioni per finanziare il loro capitale circolante.

A causa delle diverse condizioni operative, l’importo del capitale circolante della società cambierà nel tempo. Pertanto, il capitale circolante può essere utilizzato come indicatore delle condizioni operative dell’azienda. Quando c’è troppo capitale circolante, viene utilizzato più capitale per le operazioni quotidiane, indicando che l’azienda è troppo conservatrice in termini di finanze. Al contrario, quando il capitale circolante è troppo piccolo, i fondi utilizzati per le operazioni quotidiane saranno ridotti: questo è un segnale di avvertimento che l’azienda è troppo aggressiva in termini finanziari.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *