Quanto è efficiente la tassazione dei fondi comuni di investimento?

[ad_1]

Sebbene investire possa essere un ottimo modo per generare reddito, il tuo reddito può essere soggetto a imposta sul reddito come qualsiasi altro tipo di reddito. I fondi comuni di investimento sono un’opzione di investimento popolare Per molte ragioni, ma in alcuni casi, possono effettivamente causare un notevole carico fiscale. Poiché i singoli investitori non hanno alcun controllo sulle attività di investimento dei fondi comuni di investimento, è molto importante assicurarsi che i propri fondi comuni di investimento siano fiscalmente efficienti.

Ci sono molti fattori che determinano l’efficienza fiscale del tuo fondo comune, inclusa la frequenza delle attività di trading, la durata di ciascun investimento nel tuo portafoglio e il tipo di allocazione che fa il tuo fondo.

Punti chiave

  • I fondi comuni di investimento con un basso tasso di rotazione (e attività per almeno un anno) sono tassati a un tasso di plusvalenza inferiore.alcunialcuni
  • I fondi comuni di investimento con distribuzione di dividendi possono generare entrate aggiuntive, ma di solito sono anche tassati con un’aliquota ordinaria più elevata.
  • In alcuni casi, dividendi qualificati e fondi comuni di investimento investiti in obbligazioni governative o municipali possono essere tassati a un’aliquota fiscale inferiore o addirittura esenti da imposta.

Reddito fondi comuni: le basi

L’efficienza fiscale di un fondo comune di investimento dipende dal tipo di distribuzione unico del fondo. Per evitare di pagare l’imposta sul reddito delle società sui propri profitti, i fondi comuni di investimento devono distribuire tutto il reddito netto agli azionisti almeno una volta all’anno. Questa distribuzione rientra in una delle due categorie: distribuzione di dividendi o distribuzione di plusvalenze.

Le distribuzioni dei dividendi si verificano quando i fondi esistenti ricevono reddito da azioni fruttifere e obbligazioni fruttifere. Al contrario, quando un gestore di fondi vende le attività del fondo per ottenere un reddito netto, si verifica una distribuzione della plusvalenza.Ad esempio, se il fondo investe 100.000 USD in un’azione e poi vende tutte le sue azioni per 110.000 USD, viene considerato il 10% del profitto Guadagni.

Tassazione dei fondi comuni di investimento

A seconda di quanto tempo il tuo fondo detiene le attività, il reddito che ricevi dai fondi comuni di investimento può essere tassato come reddito ordinario o plusvalenza. Ciò può causare confusione perché non tutte le distribuzioni di plusvalenze sono tassate all’aliquota dell’imposta sulle plusvalenze.alcunialcuni

A differenza dell’investimento in singole azioni, l’applicazione dell’aliquota dell’imposta sulle plusvalenze non ha nulla a che fare con il periodo di tempo in cui si detengono azioni del fondo comune, ma è correlato al periodo di tempo in cui il fondo comune detiene beni nel proprio portafoglio di investimenti. Solo le plusvalenze sulle attività detenute dal fondo per un anno o più sono tassate all’aliquota delle plusvalenze, non all’aliquota ordinaria dell’imposta sul reddito. Allo stesso tempo, le distribuzioni di dividendi sono solitamente tassate all’aliquota ordinaria dell’imposta sul reddito, a meno che non siano considerate dividendi qualificati.alcunialcuni

Differenza dell’aliquota fiscale del fondo

L’aliquota dell’imposta sulle plusvalenze è sempre inferiore alla corrispondente aliquota dell’imposta sul reddito, Sebbene la differenza tra queste due tariffe possa variare. Gli individui con un reddito annuo inferiore a $ 78.750 non sono tenuti a pagare alcuna imposta sulle loro plusvalenze. Quelli con un reddito annuo non superiore a US $ 434.550 devono pagare il 15% dell’imposta sulle plusvalenze, mentre quelli con un reddito superiore a US $ 434.550 devono pagare il 20% dell’imposta sulle plusvalenze.alcunialcuni

Ad esempio, supponiamo di guadagnare $ 80.000 vendendo azioni e ottenere un reddito da investimento di $ 1.000. Se mantieni l’investimento per un anno o più, devi solo pagare il 15% o $ 150 di tasse. Tuttavia, se si tratta di un beneficio a breve termine, devi pagare $ 280.

I fondi comuni di investimento tassati all’aliquota dell’imposta sulle plusvalenze sono sempre più efficienti dal punto di vista fiscale dei fondi comuni di investimento tassati all’aliquota ordinaria dell’imposta sul reddito.

Fattore di efficienza fiscale: tasso di rotazione degli asset

Uno dei modi più efficaci per creare fondi comuni di investimento più efficienti dal punto di vista fiscale è ridurre il loro TurnoverIl tasso di rotazione di un fondo si riferisce alla frequenza con cui il fondo acquista e vende titoli. I fondi che eseguono più transazioni durante l’anno hanno un alto tasso di rotazione delle attività. Il risultato è che la maggior parte delle plusvalenze generate dai fondi sono guadagni a breve termine, il che significa che sono tassate all’aliquota ordinaria dell’imposta sul reddito.

I fondi che adottano una strategia buy-and-hold e investono in titoli growth e obbligazioni a lungo termine sono generalmente più efficienti dal punto di vista fiscale perché il reddito che generano dovrebbe essere tassato a un tasso di plusvalenza inferiore. Quando il fondo distribuisce le plusvalenze, ti invierà un modulo 1099-DIV che illustra l’importo della distribuzione attribuibile alle plusvalenze a lungo termine.

I fondi comuni di investimento molto attivi tendono anche ad avere rapporti di spesa più elevati, ovvero le commissioni che il fondo addebita ogni anno per mantenersi e pagare i costi di gestione e operativi. Anche se questo non avrà un impatto enorme sulle tue tasse annuali, può drenare seriamente le tue finanze.

Fattore di efficienza fiscale: dividendi

Se il tuo fondo comune contiene investimenti in azioni o obbligazioni con dividendi che pagano interessi regolari (chiamati pagamenti di cedole), potresti ricevere uno o più dividendi all’anno. Sebbene questa possa essere una comoda fonte di reddito fisso, l’aumento della fattura fiscale potrebbe superare il reddito.

La maggior parte dei dividendi sono considerati Reddito ordinario E soggetto alla tua normale aliquota fiscale. Pertanto, i fondi comuni di investimento che non pagano dividendi sono naturalmente più efficienti dal punto di vista fiscale. Per coloro il cui obiettivo di investimento è aumentare la ricchezza piuttosto che generare reddito fisso, investire in fondi senza dividendi o obbligazioni fruttifere è una mossa saggia ed efficiente dal punto di vista fiscale.

Posizione intermedia: dividendi qualificati

Alcuni investitori ritengono che la distribuzione dei dividendi sia uno dei principali vantaggi della proprietà del fondo, ma desiderano comunque ridurre il più possibile il carico fiscale totale. Fortunatamente, alcuni dividendi possono essere considerati “dividendi qualificati” e si applicano aliquote fiscali più basse sulle plusvalenze.

Affinché i dividendi siano considerati ammissibili, devono soddisfare determinati criteri, inclusi i requisiti del periodo di detenzione. I dividendi ammissibili devono essere pagati dagli Stati Uniti o da una società straniera ammissibile e acquistati prima della data di stacco del dividendo. La data ex dividendo è la data in cui i successivi acquisti di azioni non sono ammissibili per il dividendo imminente. Le scorte devono essere state detenute per almeno 60 giorni durante il periodo di 121 giorni a partire da 60 giorni prima di tale data.

Come per le plusvalenze, il fatto che i tuoi dividendi siano considerati ammissibili o meno non ha nulla a che fare con il tempo in cui possiedi le azioni del fondo comune di investimento, ma con il momento in cui il fondo possiede azioni che pagano dividendi e quando tali azioni sono state acquistate. Anche se domani acquisti azioni di un fondo comune e ricevi una distribuzione di dividendi la prossima settimana, il dividendo è considerato un fondo che soddisfa i requisiti di partecipazione di cui sopra.

Ancora una volta, i fondi comuni di investimento che utilizzano una strategia buy-and-hold sono più efficienti dal punto di vista fiscale perché possono generare dividendi qualificati e reddito a lungo termine. I fondi che distribuiscono dividendi qualificati li riportano sul modulo 1099-DIV, proprio come le plusvalenze a lungo termine.

Fattore di efficienza fiscale: fondo esente da imposte

Un altro modo per ottimizzare i fondi comuni di investimento a risparmio fiscale è scegliere fondi che includano investimenti in obbligazioni governative o municipali e l’interesse su queste obbligazioni non è influenzato dall’imposta federale sul reddito. Alcuni fondi investono solo in questi tipi di titoli e sono spesso indicati come fondi esenti da imposte.

Anche se il tuo fondo comune di investimento non è un fondo esente da tasse, un fondo che contiene alcuni di questi tipi di titoli è più efficiente dal punto di vista fiscale di un fondo che investe in obbligazioni societarie.L’interesse imponibile generato da quest’ultimo dipende dalla tua imposta ordinaria sul reddito Vota.

Andando più in profondità, alcune obbligazioni comunali sono in realtà più esentasse rispetto ad altre obbligazioni comunali. Sebbene tutte le obbligazioni siano esenti dall’imposta federale sul reddito, alcune obbligazioni sono ancora soggette a imposte statali e locali. Tuttavia, le obbligazioni emesse dal governo nel tuo stato di residenza possono essere esenti tre volte, il che significa che sono esenti da tutte le tasse.

Se vuoi investire in fondi comuni di investimento o semplicemente rivalutare le tue attuali partecipazioni, controlla il portafoglio di ciascun fondo per assicurarti che il tuo investimento non finisca per costarti al momento delle tasse. Per ottimizzare l’efficienza fiscale dei tuoi fondi comuni di investimento, scegli fondi con tassi di rotazione bassi, inclusi titoli senza dividendi, Obbligazione zero couponE obbligazioni comunali.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *