Questo è l’indice azionario numero uno che vuoi possedere per rimanere al di sopra dell’inflazione

[ad_1]

Se si scopre che l’inflazione elevata negli Stati Uniti non è solo temporanea, allora il mercato azionario non è un brutto posto. Se la recente impennata dell’inflazione è solo temporanea, anche questo non è un brutto posto.

Considerando la performance di un ipotetico portafoglio costruito da Nicholas Rabener, fondatore e CEO Ricerca sui fattori a Londra.Il portafoglio contiene il 5% delle azioni che hanno la più alta correlazione con gli ultimi cinque anni in un dato momento Tasso di inflazione di pareggio negli Stati Uniti a 10 anniIl tasso di interesse è pari alla differenza di rendimento del titolo del Tesoro USA a 10 anni
TMUBMUSD10Y,
1.285%

E TIPS a 10 anni; rappresenta la scommessa del mercato obbligazionario sull’inflazione nei prossimi dieci anni.

Il grafico seguente mostra che questo ipotetico portafoglio è altamente correlato con l’indice Russell 2000
estro,
-0,93%
,
Il punto di riferimento per le azioni a piccola e media capitalizzazione nel mercato azionario statunitense. Ciò significa che quando l’inflazione aumenta inaspettatamente, i titoli più sensibili all’inflazione, in media, non avranno prestazioni migliori o peggiori rispetto ai fondi indicizzati ampi.

Questa è una buona notizia perché significa che se il tasso di inflazione sale più in alto, non devi cercare i pochi titoli che hanno maggiori probabilità di ottenere le prestazioni migliori. Fondi indicizzati Russell 2000, come iShares Russell 2000 ETF
e tanti altri.
-0,91%

Supponendo che il futuro sia lo stesso del passato, lo stesso dovrebbe essere fatto.

E se l’inflazione più alta fosse temporanea? La lezione di questo grafico è che anche l’indice Russell 2000 dovrebbe funzionare bene.

A dire il vero, Rabena ha sottolineato in una e-mail che la sua analisi si concentra solo sui dati dei tassi di inflazione di pareggio negli ultimi 20 anni. Mentre si concentrava sui cambiamenti dell’IPC alla fine degli anni ’40, scoprì che alcune industrie, in particolare l’energia, avevano sovraperformato il mercato quando l’inflazione era alta. Tuttavia, ha aggiunto che questa conoscenza “ha solo un valore pratico limitato perché gli investitori non sono particolarmente bravi a prevedere l’inflazione”.

Valore e crescita quando l’inflazione è alta

Analizzando i titoli growth e i titoli value in un contesto di alta e bassa inflazione, sono giunto a conclusioni simili.Questo è sorprendente perché il detto popolare di Wall Street è Le azioni value sono un buon posto Quando l’inflazione si surriscalda.

Questa affermazione è sbagliata, come ho riportato Nella rubrica di giugno 2021, Perché esiste una correlazione incoerente tra la performance relativa delle azioni value e le variazioni dell’IPC negli ultimi 12 mesi. Sì, la forza relativa del valore rispetto alla crescita è talvolta correlata positivamente con l’inflazione; l’anno scorso è stata un’occasione del genere.

Tuttavia, è successo il contrario. Forse l’esempio più eclatante è arrivato dopo lo scoppio della bolla delle dot-com, quando le aspettative di inflazione sono diminuite drasticamente e il valore ha superato di gran lunga la crescita. In effetti, il valore all’inizio degli anni 2000 ha superato qualsiasi altro anno di crescita nel secolo scorso.

Linea di fondo? Abbiamo più prove per dimostrare la famosa efficienza del mercato azionario. Fa un ottimo lavoro nel riflettere tutte le informazioni che gli investitori hanno collettivamente in un dato momento. Quando tu o io abbiamo letto i titoli sull’inflazione, questa realtà si riflette già nei prezzi delle azioni. Dopo aver letto questi titoli, non otterremo un vantaggio sul mercato trasferendo dentro o fuori le azioni di valore.

Mark Hulbert contribuisce regolarmente a MarketWatch. Il suo Hulbert Ratings tiene traccia delle newsletter sugli investimenti che pagano commissioni fisse per gli audit.Può essere dentro mark@hulbertrattings.com

Di più: Uno sguardo alle obbligazioni spazzatura ti dice che gli investitori azionari sono troppo rialzisti ora

Inserisci: Il mercato immobiliare è così caldo che l’offerta in contanti per una casa bruciata nella Bay Area supera gli 850.000 dollari

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *