Questo è un altro segno che il mercato rialzista si sta avvicinando al suo picco, a cui vale la pena prestare attenzione.

[ad_1]

Secondo i principali indicatori basati sui rendimenti dell’S&P 500 negli ultimi tre mesi, il mercato azionario statunitense è vicino ai massimi
Arpione,
+0,60%

Dipartimento.

Negli ultimi tre mesi prima del picco del mercato rialzista, è emerso un modello abbastanza prevedibile, vale a dire quali settori hanno registrato i risultati migliori e quali i peggiori. Attualmente, la recente forza relativa del settore è molto vicina a questo modello.

Si tratta di un cambiamento importante da metà maggio, quando, Come ho riportato, Questo indicatore anticipatore non ha rilevato alcun segno di problemi imminenti. A quel tempo, i settori con i migliori rendimenti di monitoraggio di tre mesi non erano quelli che di solito guidano il mercato prima del picco, e i settori con i peggiori rendimenti di monitoraggio di tre mesi non erano quelli che di solito sono in ritardo.

Ora, al contrario, esiste una chiara correlazione tra la classifica di forza relativa del settore e i modelli tipici emersi in passato.

Secondo Ned Davis Research, i servizi di pubblica utilità, l’energia e la finanza sono i settori con le peggiori prestazioni nell’indice S&P 500 dal 1970 negli ultimi tre mesi di tutti i mercati rialzisti. Come mostrato nella figura sottostante, l’industria è ora in fondo o quasi in fondo alla classifica dei rendimenti di questi tre settori negli ultimi tre mesi.

Al contrario, secondo i dati di Ned Davis Research, nei tre mesi precedenti il ​​picco del mercato rialzista in passato, i beni di prima necessità, la sanità e i beni di consumo discrezionali erano in media i settori con le migliori prestazioni. Come mostrato nella figura, questi tre si sono comportati relativamente bene negli ultimi tre mesi.

Per quantificare la misura in cui la classifica di forza relativa del settore si è spostata in direzione ribassista, si consideri il coefficiente di correlazione che ho calcolato. La statistica varia da 1.0 (che significa che c’è una perfetta corrispondenza uno a uno tra le recenti classifiche di rendimento del settore e i modelli storici) a 1.0 negativo (che significa una perfetta correlazione negativa). Un coefficiente pari a zero significa che non esiste una relazione rilevabile.

A metà maggio il coefficiente era significativamente negativo -0,66. Al contrario, oggi è un valore positivo di 0,67. Quest’ultima lettura è uno dei coefficienti più alti che vedo quando controllo regolarmente questo indicatore.

Inutile dire che questo (o qualsiasi altro indicatore, se è per questo) non è garantito per essere efficace.Una volta era preciso Era nell’aprile 2015, quando la mia rubrica su questo indicatore era intitolata “I principali indicatori predicono il picco del mercato”. Secondo il calendario del mercato ribassista gestito da Ned Davis Research, il mercato ribassista è iniziato un mese dopo. Il coefficiente di correlazione tra la classifica di forza relativa prevalente e il modello storico in quel momento era di 0,43; la lettura attuale è più alta e quindi più ribassista.

Mark Hulbert contribuisce regolarmente a MarketWatch. Il suo Hulbert Ratings tiene traccia delle newsletter sugli investimenti che pagano commissioni fisse per gli audit.Può essere dentro mark@hulbertrattings.com

Di più: Gli investitori sono stati accusati di essere ossessionati dai risultati a breve termine.La popolarità dei titoli growth dimostra il contrario

Inserisci: Mentre il Congresso si scontra su prestiti e problemi di debito, l’oro potrebbe sovraperformare il mercato azionario

leggi di più

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *