Regno Unito e Stati Uniti raggiungono una tregua nella disputa commerciale Airbus/Boeing Reuters

[ad_1]

© Reuters. Foto del file: il 15 giugno 2015, al 51° Paris Air Show tenutosi all’aeroporto Le Bourget vicino a Parigi, un aereo di linea Airbus A350 è atterrato sulla bandiera Boeing dopo uno spettacolo aereo.REUTERS/Pascal Rossignol/File Photo

LONDRA (Reuters) – Il Regno Unito e gli Stati Uniti hanno dichiarato giovedì di aver raggiunto un accordo per risolvere la controversia commerciale tra Airbus e Boeing (NYSE:) entro i prossimi cinque anni per garantire che le tariffe di ritorsione continuino a essere sospese.

L’accordo è stato raggiunto due giorni dopo la tregua dell’UE in un conflitto di quasi 17 anni per le sovvenzioni agli aerei e ha sospeso per cinque anni una serie di tariffe dell’era Trump, che hanno deteriorato le relazioni con gli Stati Uniti.

Dal 2004, le due parti si battono per i sussidi del produttore americano di aerei Boeing e della rivale europea Airbus in casi paralleli nell’Organizzazione mondiale del commercio.Entrambe le parti ritengono che ciò esponga l’altra parte a una concorrenza sleale.

La Gran Bretagna ha lasciato l’Unione Europea dall’inizio della disputa e Trump ha imposto le tariffe, e l’accordo di giovedì ha ottenuto molti degli stessi risultati dell’accordo UE-USA.

Il Dipartimento del Commercio del Regno Unito ha dichiarato in una dichiarazione che il Regno Unito e gli Stati Uniti hanno concordato di sospendere la riscossione delle tariffe di ritorsione per cinque anni e collaboreranno più strettamente in risposta alle pratiche commerciali sleali delle economie non di mercato.

Il ministro del Commercio Liz Truss ha dichiarato: “Questo accordo sosterrà l’occupazione in tutto il paese ed è una buona notizia per i principali datori di lavoro come il whisky scozzese e industrie come l’aerospaziale”.

Dichiarazione di non responsabilità: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidamento a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *