Ricompense per le scommesse sulle criptovalute e loro tassazione iniqua negli Stati Uniti Autore: Cointelegraph

[ad_1]

Premi per le scommesse crittografiche e la loro tassazione iniqua negli Stati Uniti

L’Internal Revenue Service (IRS) ha ampliato le sue regole fiscali per adattarsi al suo programma di criptovaluta. Nella storia della tassazione, la pura creazione non è mai stata un evento tassabile. Tuttavia, l’IRS ha cercato di tassare il nuovo token come reddito quando è stato creato. Ciò viola i tradizionali principi di tassazione ed è problematico per una serie di motivi.

Nel 2014, l’Internal Revenue Service degli Stati Uniti ha dichiarato nelle FAQ dell’IRS Announcement 2014-21 che le attività minerarie risultato In totale reddito imponibile. È importante notare che le notifiche dell’IRS sono solo linee guida, non leggi. L’IRS ha concluso che l’estrazione mineraria è un commercio o un’attività e il valore equo di mercato delle monete estratte viene immediatamente tassato come reddito ordinario e soggetto all’imposta sul lavoro autonomo (un ulteriore 15,3%). Tuttavia, questa guida è limitata ai minatori Proof of Work (PoW) ed è stata rilasciata solo nel 2014 molto prima che lo staking diventasse mainstream. La sua applicabilità allo staking è particolarmente fuorviante e inapplicabile.

Jason Morton Pratica in North Carolina e Virginia ed è partner di Webb & Morton PLLC. È anche un giudice avvocato per la Guardia Nazionale dell’Esercito. Jason è specializzato in difesa fiscale e contenzioso tributario (domestico ed estero), pianificazione successoria, diritto commerciale, protezione patrimoniale e tassazione delle criptovalute. Ha studiato blockchain all’Università della California, Berkeley, e legge all’Università di Dayton e alla George Washington University.

Continua a leggere Coin Telegram

Dichiarazione di non responsabilità: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidarsi a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *