Ryanair prevede di assumere 2.000 piloti nei prossimi tre anni

[ad_1]

Ryanair prevede di reclutare 2.000 piloti nei prossimi tre anni, una delle più grandi attività di reclutamento nel settore dell’aviazione dall’inizio della pandemia.

Il boom delle assunzioni si aggiungerà all’attuale elenco di 5.000 piloti della più grande compagnia aerea europea. Prevede inoltre di aumentare il numero di passeggeri annuali di oltre un terzo rispetto ai livelli pre-pandemia entro tre anni.

Darrell Hughes, direttore del personale di Ryanair, ha dichiarato: “Mentre ci riprendiamo dalla crisi di Covid-19 e cresciamo fino a raggiungere i 200 milioni di ospiti nell’anno fiscale 2024, siamo molto lieti di iniziare a pianificare la ripresa della crescita nei prossimi anni”.

Nel maggio dello scorso anno, la società ha avvertito che avrebbe dovuto licenziare 3.000 persone, ma ha affermato di essere fuggita senza licenziamenti di piloti durante la pandemia. Alcuni membri dell’equipaggio hanno perso il lavoro.

Tuttavia, i suoi piloti hanno accettato di tagliare i loro stipendi del 20% e torneranno ai loro livelli originali entro quattro anni.

Ryanair ha affermato di aver bisogno di più piloti per far funzionare i suoi nuovi Boeing 737 Max: la sua prima consegna di oltre 210 aeromobili è arrivata il mese scorso. Il nuovo velivolo dovrebbe aiutare l’azienda a ridurre il consumo di carburante, le emissioni di carbonio e i costi.

Ryanair inizierà quest’anno l’addestramento dei piloti, con l’obiettivo di prepararli a volare entro la prossima estate.

Il suo investimento in aerei e dipendenti è in netto contrasto con le difficoltà presenti in altre parti del settore. Secondo i dati dell’European Cockpit Association, ad aprile, durante la pandemia, più di 18.000 posti di lavoro pilota sono stati minacciati o persi in modo permanente.

Ryanair sta scommettendo sulla domanda repressa quando le restrizioni sui viaggi all’estero saranno allentate. Il CEO Michael O’Leary stima che i concorrenti non saranno in grado di soddisfare questa domanda e prevede che il numero di posti a corto raggio in Europa diminuirà del 20% nei prossimi anni.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *