Sale a 28 il bilancio delle vittime causate dal crollo di un edificio in Florida, con 117 ancora dispersi Reuters

[ad_1]

2/2

© Reuters. L’edificio residenziale Champlain Tannan parzialmente crollato è stato demolito il 4 luglio 2021 a Surfside, Florida, USA. La foto è stata scattata il 4 luglio 2021. REUTERS/Marco Bello

2/2

Francisco Alvarado

Surfside, Florida (Reuters)-I funzionari hanno affermato che dopo aver demolito il resto dell’edificio domenica notte per consentire ai soccorritori di espandere la loro portata, il bilancio delle vittime del crollo di un appartamento nell’area di Miami lunedì è salito a 28. E hanno scoperto un altro corpo. Cercare.

Dopo il crollo di un edificio residenziale di 12 piani a Surfside, in Florida, altre 117 persone erano ancora disperse per 11 giorni, spingendo da allora gli sforzi di ricerca e soccorso quasi 24 ore su 24.

Nella notte di domenica, le ricerche delle vittime sono state sospese per controllare la demolizione di metà degli edifici ancora in piedi. I funzionari hanno deciso di demolire gli edifici instabili rimanenti perché rappresentavano una minaccia per i soccorritori.

Il sindaco della contea di Miami-Dade, Daniela Levin Kava, ha dichiarato in una conferenza stampa che ciò consente alle squadre di soccorso di perquisire l’intera area sotto l’edificio. In precedenza, per motivi di sicurezza, in alcune aree era vietato l’accesso.

Anche la tempesta tropicale Elsa nei Caraibi ha minacciato di abbattere i resti, ma le ultime previsioni prevedono che l’area di Surfside potrebbe evitare la tempesta sulla rotta prevista da Cuba verso nord.

In una città di mare vicino a Miami Beach, in Florida, nessuno è stato salvato da pile di cemento polveroso, legno sminuzzato e metallo contorto sin dalle prime ore del disastro.

Dichiarazione di non responsabilità: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidarsi a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *