Salisburgo è di nuovo attiva a suon di musica

[ad_1]

Aggiornamento Austria

Per 18 mesi, quando la pandemia ha calato il sipario sulle esibizioni dal vivo, la maggior parte delle grandi orchestre e cantanti d’opera del mondo hanno suonato in posti vuoti, se ce ne sono stati.

Ma nelle ultime quattro settimane, i concerti del Festival di Salisburgo – uno degli eventi di musica classica più rispettati al mondo – sono stati affollati, perché l’Austria ha posto le arti dello spettacolo al più alto livello di ritorno alla normalità.

La strategia di sicurezza Covid del festival è stata condivisa con più di 50 organizzazioni in tutto il mondo, tra cui il Bayreuth Music Festival e la San Francisco Opera House, come esempio di come organizzare in sicurezza eventi culturali. Anche la società calcistica austriaca è rimasta in contatto con gli organizzatori.

Quando la musica è tornata a Salisburgo, l’elegante piazza barocca nel centro storico della città si è riempita di pubblico per concerti. Al bar, le persone che vogliono ordinare lo champagne sono profonde tre o quattro piani. Il pubblico entusiasta si è riversato nella grande casa per le vacanze. La musica è tornata.

Don JuanAl protagonista di quest’opera non piace mantenere il distanziamento sociale, anche se non c’è bisogno di un attore, ci sono ancora un gran numero di attori in scena, come a mostrare cosa possono ottenere il vaccino e la fiducia. Ha un coro di 150 donne, che rappresentano le passate tentazioni di Don Juan.

Man mano che i casi di COVID-19 si attenuano, i grandi raduni al chiuso sono di solito uno degli ultimi eventi che il governo consente di riaprire. Ma l’Austria ha un profondo impegno nazionale per l’arte e ha accettato il loro ritorno.

“Non c’è dubbio che l’arte e la cultura siano risorse importanti dell’economia e della società austriache”, ha dichiarato al Financial Times Andrea Mayer, segretario di Stato per l’arte e la cultura. “L’Austria è un paese di artisti”.

Persone in fila per la prima dell’opera Così Fan Tutte nella Sala del Festival di Salisburgo © Franz Neumayr

Meyer ha affermato che l’industria ha 120.000 dipendenti e ha contribuito all’economia con 7,2 miliardi di euro nel 2019. L’anno scorso, il governo ha aumentato la spesa per l’arte del 70%.

“L’arte e la cultura hanno la capacità di dare un enorme contributo al recupero della società… Abbiamo bisogno della loro stimolazione intellettuale, ispirazione, nonché felicità, immaginazione e riflessione critica”, ha affermato Meyer.

Nonostante l’ottimismo, l’Austria non è ancora fuori dai guai. Con la prevalenza della variante Delta, aumenta il numero dei casi di coronavirus. Il numero di nuovi casi al giorno a giugno era solo leggermente superiore a 60 e ora ci sono circa 900 nuovi casi di infezione al giorno. Circa il 55% della popolazione è stato completamente vaccinato, ma il tasso di nuove iniezioni è diminuito in modo significativo.

Tuttavia, molti nella scena musicale classica del paese credono che i passi coraggiosi compiuti quest’estate dimostreranno all’Austria e al mondo esterno che la vita può tornare in sicurezza alla musica: la musica può aiutare a rivitalizzare la società.

“Ora è una grande sfida per tutti noi liberarci della modalità di crisi psicologica in cui ci troviamo. Siamo ancora tutti a un livello così alto di vigilanza, ma dobbiamo trovare un punto in cui possiamo tornare alla normalità”, il Salisburgo Music Said Lukas Crepaz, co-direttore del festival.

“Spettacoli come questo sono una parte importante di esso, naturalmente, prestiamo grande attenzione alla sicurezza… La società e l’umanità non possono rimanere in modalità di crisi per sempre”.

Il Festival di Salisburgo è già un outsider.esso La scorsa estate è continuata Inoltre, nonostante la capacità ridotta e i piani limitati.

Quest’anno non è chiaro se il festival si svolgerà a pieno regime prima dell’inizio dell’estate. L’ultimo terzo dei biglietti è stato messo in vendita il 7 giugno. Quel giorno e i giorni successivi sono stati i due giorni di maggior vendita nei 101 anni di storia del botteghino.

Krepaz ha affermato che la fiducia degli organizzatori deriva dal monitoraggio dei dati e dalla scienza su come si diffonde il virus. La fase iniziale del festival si è concentrata sulla trasmissione di aerosol e ha commissionato una propria ricerca, che è stata successivamente inviata al governo austriaco. L’anno scorso, non ci sono stati contagi durante le festività natalizie.

Crepaz ha affermato che quest’anno tutte le persone che partecipano al festival devono essere vaccinate o essere risultate negative entro 72 ore, quindi il luogo è più sicuro. Le maschere FPP2 devono essere indossate durante lo spettacolo, ma non ci sono restrizioni sui posti.

Media mobile su 7 giorni di nuovi casi confermati di Covid-19 nel Regno Unito, Austria, Germania e Francia (per 100.000) G1357_21X

Nonostante la minaccia di restrizioni alla vita pubblica in autunno, la maggior parte delle persone nella scena musicale austriaca spera che il sostegno all’arte continui a essere la massima priorità dell’Austria.

“È estremamente difficile ora. La quarta ondata sta arrivando, ed è terribile”, ha detto Daniel Froschauer, primo violino e presidente dell’Orchestra Filarmonica di Vienna. Tuttavia, ha aggiunto, è importante che la vita culturale continui.

“Il nostro ruolo è mostrare ai politici cosa si può fare.” Ritiene che l’Austria possa dare l’esempio internazionale. “Non siamo leader mondiali nel calcio, ma l’Austria ha l’Orchestra Filarmonica e lo siamo davvero. Possiamo essere un modello”.

Froschauer si è detto “scioccato” da quanti altri governi in tutto il mondo hanno causato perdite d’arte, molti dei quali vedono erroneamente la cultura come un lusso sociale.

Ha detto: “L’anima non è un lusso. L’anima è la fonte della vita e ha bisogno di nutrimento. ” “Certe cose non si possono esprimere a parole. Questo è troppo importante”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *