Saluti e riflessioni tranquille dalla folla americana per commemorare June Reuters

[ad_1]

5/5

© Reuters. Il 18 giugno 2021, due anni dopo la proclamazione di emancipazione del 1863, gli schiavi rilasciati altrove negli Stati Uniti, la gente ha celebrato il Festival di giugno a San Nicholas Park per commemorare la fine della schiavitù in Texas.Reuters/Istruzione

2/5

Autori: Rich McKay e Brendan O’Brien

Atlanta/Chicago (Reuters)-La banda musicale ha suscitato acclamazioni e riflessioni più tranquille sulla giustizia razziale tra la folla riunita sabato per commemorare il Festival di giugno come nuova festa federale negli Stati Uniti per commemorare la legalizzazione dei neri americani La fine della schiavitù.

Il presidente Joe Biden e il vicepresidente Kamala Harris hanno firmato giovedì un disegno di legge per designare l’11 giugno come l’undicesima festa riconosciuta a livello federale, che era a Minneapolis George Floyd Più di un anno dopo l’omicidio di George Floyd ha scatenato proteste nazionali contro la giustizia razziale e la fine della brutalità della polizia .

Il 19 giugno, anche il 19 giugno, era un giorno del 1865, quando un generale dell’Unione informò un gruppo di schiavi in ​​Texas che erano stati uccisi dal presidente Abraham Lincoln durante la guerra civile di due anni fa Dichiarazione di emancipazione e libertà.

“Questo speciale festival di giugno è molto speciale perché abbiamo partecipato alla protesta di George Floyd l’anno scorso e quest’anno abbiamo ottenuto alcune soluzioni”, ha detto Andrea Johnson di Atlanta nello storico Ebenezer di Atlanta mentre guardava una parata di un giorno di pioggia vicino alla chiesa battista.

Fuori dalla chiesa dove Martin Luther King Jr. ha predicato e guidato le proteste contro il diritto di voto, la parità di accesso ai servizi pubblici e la giustizia sociale ed economica, la folla rumorosa ha acclamato la banda musicale e i suoi ballerini, che gareggiano con drammatici affondamenti e rotazioni, vicino alla jeep con il logo del “destino dell’uomo nero”.

Molti spettatori sono stati molto contenti, ma altri hanno affermato che l’annuncio del National Day potrebbe essere una vana vittoria per i neri, molti di loro soffrono ancora per l’ingiustizia razziale negli Stati Uniti, a cui si può rimediare solo attraverso maggiori sforzi da parte del governo federale.

“Il mio umore è misto”, ha detto Jermaine Washington, un direttore d’orchestra di una banda militare che vive a Stone Mountain, in Georgia, a sole 20 miglia a nord-est di Atlanta.

“Di solito pensiamo a questo tipo di eventi come a una vittoria perché è solo per placare la comunità nera, non per garantire un’istruzione equa o un alloggio equo”, ha detto Washington quando ha riunito i suoi giovani musicisti alla parata di Atlanta.

Shishan è un piccolo villaggio, quest’anno terrà la sua prima celebrazione in assoluto di giugno.Si erge all’ombra di un alto bassorilievo di nove piani di figure confederate, e il rilievo è scolpito sulla vasta parete di roccia, che è il supporto Il più grande monumento all’eredità della schiavitù. Stati Uniti meridionali.

In tutti gli Stati Uniti, per il Festival di giugno sono previsti concerti, raduni, mostre d’arte e tanti cibi.

Da anni Atlanta e la sua area metropolitana celebrano il June Festival. Richard Rose, presidente del capitolo di Atlanta della National Association for the Advancement of Colored People, ha affermato che la designazione di giugno di quest’anno come festa federale ha risuonato nella città che viene spesso definita la “culla del movimento per i diritti civili”.

“Mentre celebriamo, ciò che dobbiamo ricordare è che dobbiamo lottare per i nostri diritti, nelle urne, a scuola. Dobbiamo alzarci in piedi, in tutto il paese, tra le città”, ha detto Rose.

A differenza dell’anno scorso, mentre gli Stati Uniti si liberano della pandemia di coronavirus, sempre più americani vengono vaccinati e molti eventi si terranno di persona in tutto il paese.

Il “March For Us” di Chicago ha un percorso lungo un miglio nel quartiere degli affari della città chiamato Loop.

“Celebriamo il Giorno dell’Indipendenza, quindi se non celebriamo il giorno in cui tre quinti delle persone saranno finalmente liberi e inizieranno a muoversi verso l’uguaglianza, saremo negligenti”, ha affermato Ashley Monson, organizzatrice di “Marcia per noi”.

Monson ha affermato che, sebbene siano stati compiuti notevoli progressi, la recente brutalità della polizia contro i neri in diversi stati degli Stati Uniti e la legislazione che limita i diritti di voto indicano che c’è ancora molto lavoro da fare.

Gli eventi in programma a New York City includono il “Queens June Festival”, un festival di discussione virtuale di una settimana che si concluderà sabato. Ci saranno camion di cibo come pollo fritto e waffle, barbecue e scene faccia a faccia. .

L’iniziativa è guidata dal membro del Congresso Alicia Hyndman, che l’anno scorso ha avviato una legislazione per rendere giugno una festa nazionale.

Uno degli eventi tenuti in Colorado è per commemorare l’eredità della pioniera dell’aviazione Bessie Coleman, che divenne la prima donna afroamericana ad ottenere la licenza di pilota nel 1921.

Deneen Smith è una studentessa nera di 17 anni e aspirante pilota, ispirata alla storia di Coleman.

Smith ha detto: “Questo è ciò che il Festival di giugno significa per me: l’indipendenza e la libertà degli afroamericani, perché i nostri antenati hanno sperimentato la sofferenza”.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *