Sanchez annuncia una riorganizzazione su larga scala del governo spagnolo

[ad_1]

Il primo ministro spagnolo Pedro Sánchez (Pedro Sánchez) ha effettuato una profonda riorganizzazione del suo governo, il cui partito socialista al governo cerca di riprendere l’iniziativa dopo una serie di battute d’arresto politiche, economiche e diplomatiche.

In una riorganizzazione del governo più ampia del previsto, Sanchez ha promosso Nadia Calviño, il ministro dell’Economia spagnolo, al suo nuovo numero 2, poiché alcune delle figure più importanti del governo si sono dimesse.

In un discorso al Paese, Sanchez ha annunciato la formazione di quello che ha definito un nuovo governo, che si concentrerà sulla ripresa economica e sull’utilizzo dei 140 miliardi di euro dell’Unione europea. fondi La Spagna spera che questo la aiuterà a riprendersi dalla devastazione della pandemia – il governo spera che aiuterà a ripristinare la sua ricchezza.

“La ripresa del governo inizia oggi per superare il peggior disastro degli ultimi decenni”, ha affermato. Ha aggiunto che questo cambiamento significa “rinnovamento generazionale”, l’età media dei ministri è scesa da 55 a 50 anni e la percentuale delle donne è passata dal 54% al 63%.

Coloro che hanno lasciato l’alleanza includevano Carmen Calvo, il principale vice di Sanchez fino ad ora – questa posizione sarà ricoperta da Calvinho – e il ministro degli Esteri Alancha González, il capo di gabinetto e stratega del primo ministro Ivan Redondo, e Jose Luis Abalos, un veterano socialista che era ex ministro dei Trasporti.

Il nuovo ministro degli esteri sarà l’ex consigliere di Sanchez José Manuel Albares (José Manuel Albares), che ora ricopre il ruolo di ambasciatore in Francia ed è orgoglioso della sua esperienza diplomatica e degli stretti rapporti con il primo ministro.

La promozione di Nadia Calviño significa che presiederà la riunione del gabinetto in assenza di Sanchez © Michael Reynolds/EPA

La promozione di Calvinho, ex alto funzionario della Commissione europea, significa che presiederà una riunione di gabinetto in assenza di Sanchez.

“Questa mossa evidenzia il suo status di parte importante dell’attuale governo; Pablo Simon, professore di scienze politiche all’Università Carlos III di Madrid, ha affermato che questo è anche un segnale per il mercato e per Bruxelles che è impegnata nell’ortodossia economica.

Ma ha aggiunto che la riorganizzazione è “in realtà un tentativo di far ripartire il governo da zero”, che è poco più della metà del quadriennio del parlamento.

I socialisti sono rimasti indietro Partito popolare di centrodestra In un sondaggio dopo un fallimento devastante Madrid Elezioni regionali.Si è verificato anche dopo la crisi diplomatica con il Marocco, che a maggio ha permesso a migliaia di migranti di attraversare per breve tempo l’enclave spagnola Ceuta.

A causa della pandemia, il PIL della Spagna si è contratto più di qualsiasi altra grande economia, riducendosi del 10,8% lo scorso anno.

La quinta ondata di coronavirus del paese ha ulteriormente oscurato le prospettive economiche del paese, che ha spinto il tasso di infezione a Il più alto dell’Europa continentale, Mettendo a rischio la stagione turistica.

In tempi normali, il turismo genera il 12% del PIL spagnolo e il 13% delle opportunità di lavoro.Luglio e agosto hanno giocato un ruolo enorme, ma la scorsa settimana Germania e Francia hanno avvertito i loro cittadini di non recarsi nel paese.

Tra le altre modifiche, la riorganizzazione ha sostituito i capi del Ministero dell’Istruzione, del Ministero della Giustizia, del Ministero della Scienza e del Ministero della Cultura e la nomina di un nuovo portavoce del governo Isabel Rodríguez (Isabel Rodríguez).

Simon crede che non solo molti ministeri siano passati di mano, ma che i quattro alti funzionari che hanno coordinato le politiche sotto Sanchez, tra cui Calvo, Redondo e Abalos, se ne siano andati.

Il quarto posto in questo gruppo, Pablo Iglesias, ex leader di Podemos, partner della coalizione di sinistra radicale dei socialisti, Politica di sinistra Dopo essere arrivato quinto alle elezioni di Madrid.

In precedenza, è stato sostituito dal ministro del lavoro comunista spagnolo Yolanda Díaz come vice primo ministro. I cinque ministri di Podemos non hanno partecipato alla riorganizzazione di sabato.

Il partito di opposizione spagnolo ha risposto a questi cambiamenti incolpando Sanchez del problema, non il suo ministro, e chiedendo che si tengano le elezioni.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *