Se le società Internet forniscono servizi gratuitamente, come possono realizzare un profitto?

[ad_1]

Nonostante forniscano servizi gratuiti, sembra contraddittorio che le aziende che gestiscono attività su Internet possano realizzare profitti considerevoli ogni anno. Nel corso degli anni, poiché sempre più consumatori utilizzano Internet per condurre affari, il numero di aziende impegnate nei servizi Internet è cresciuto. acquista prodotto E servizi, connettiti con familiari e amici, trova un lavoro o ottieni informazioni e notizie su quasi tutti gli argomenti.

La maggior parte dei contenuti forniti da queste società Internet viene fornita agli utenti in modo molto limitato o addirittura gratuito ei consumatori si sono abituati all’accesso gratuito alle informazioni su Internet.

La verità è una società del genere Google, Facebook, Yahoo, Twitter e molte altre aziende possono generare entrate in vari modi continuando a fornire gratuitamente ai consumatori i loro esclusivi servizi Internet.Il modo principale in cui queste aziende fanno soldi su Internet ruota attorno alla creazione reddito Attraverso la pubblicità di vendita.

Punti chiave

  • Sebbene molti servizi siano forniti gratuitamente, le società Internet possono generare profitti considerevoli.
  • La vendita di pubblicità è uno dei modi più comuni per generare entrate per le società Internet.
  • Le società Internet utilizzano i dati che raccolgono per personalizzare e inviare messaggi pubblicitari mirati agli utenti.
  • Nel 2020, oltre l’81% delle entrate di Google proverrà dalla pubblicità e diversificherà le sue entrate sviluppando prodotti e servizi in altri settori, come le auto a guida autonoma e i sistemi di cloud gaming.

Monetizza con la pubblicità

Uno dei modi più comuni in cui le società di servizi Internet possono generare profitti senza addebitare agli utenti l’accesso ai contenuti è attraverso le entrate pubblicitarie.Perché il contenuto del sito è nei motori di ricerca e Piattaforma di social media È gratuito per i consumatori e milioni di utenti visitano e trascorrono del tempo su siti di servizi Internet come Google, Facebook e Twitter ogni giorno.

Ciascuno di questi utenti rappresenta un potenziale cliente di altre società che forniscono i propri prodotti e servizi su Internet.

Le aziende che desiderano o hanno bisogno di raggiungere potenziali clienti possono acquistare spazi pubblicitari su siti Web a contenuto gratuito per raggiungere consumatori a cui potrebbero non essere in grado di comunicare messaggi di marketing.Il sito Web addebita ad altre società di e-commerce di visualizzare informazioni pubblicitarie specifiche a questi utenti, siano esse ampie o broad Campagna pubblicitaria personalizzataLe aziende che fanno pubblicità su siti Web gratuiti possono pagare di più per posizioni più elevate nei risultati di ricerca o messaggi mirati per gruppi di consumatori specifici per espandere la loro esposizione al pubblico di destinazione.

Guadagno dalla raccolta dei dati

Lo spazio pubblicitario acquistato dalle società di e-commerce è uno sforzo redditizio per i siti a contenuto gratuito come motori di ricerca, blog ad alto traffico e piattaforme di social media perché può raggiungere milioni di utenti. Tuttavia, le società di servizi Internet gratuiti possono anche generare entrate raccogliendo dati da questi utenti e fornendo queste preziose informazioni alle aziende che desiderano o necessitano di tali informazioni.

Vengono raccolti e archiviati dati su milioni di utenti che trascorrono del tempo su siti di contenuti gratuiti, incluse posizioni specifiche dell’utente, abitudini di navigazione, comportamenti di acquisto e interessi unici. I dati raccolti possono essere utilizzati per aiutare le società di e-commerce a personalizzare le attività di marketing per specifici consumatori online.

I dati dell’utente sono utili anche per le aziende che forniscono prodotti e servizi su Internet. Ricerca di mercatoQuesto tipo di raccolta di dati aiuta le aziende a comprendere l’accettazione di prodotti o servizi da parte dei consumatori, prodotti specifici a cui alcuni consumatori potrebbero essere interessati e la misura in cui le aziende mostrano i loro messaggi di marketing. Ciascuno di questi aspetti rende i dati raccolti dai siti Web di contenuti gratuiti molto preziosi per le aziende di e-commerce.

Problemi privati

Tuttavia, non tutte le società di servizi Internet guadagnano direttamente vendendo i dati che raccolgono dagli utenti. Sia i dirigenti di Facebook che quelli di Google hanno dichiarato pubblicamente che non faranno soldi vendendo i dati degli utenti ad altre società.

Ad aprile 2018, CEO di Facebook Mark Zuckerberg Ha testimoniato davanti alla commissione giudiziaria e commerciale del Senato misto su come la sua azienda gestisce i dati degli utenti. Zuckerberg ha detto:

C’è un malinteso molto comune su Facebook: vendiamo dati agli inserzionisti. Non vendiamo dati agli inserzionisti. Non vendiamo dati a nessuno.

La testimonianza di Zuckerberg stava rivelando una società di consulenza politica Analisi Cambridge I dati personali di almeno 87 milioni di utenti di Facebook sono stati ottenuti senza il loro consenso. Lo scandalo ha portato il governo a condurre un esame approfondito di come le società di Internet utilizzano i dati che raccolgono dagli utenti.

A maggio 2018, Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR), che è un insieme di leggi e regolamenti che disciplinano la raccolta e il trattamento dei dati da persone che vivono nell’Unione Europea (UE). Il GDPR richiede ai siti Web di informare i visitatori dei dati che raccolgono e di consentire ai visitatori di accettare la raccolta di informazioni.

Altre fonti di reddito

Sebbene la pubblicità sia la principale fonte di reddito per molte società Internet che forniscono servizi gratuiti, alcune di esse stanno cercando di sviluppare altre fonti di reddito. Data la concorrenza sempre più agguerrita tra molte società Internet per le entrate pubblicitarie e la crescente preoccupazione per la riservatezza della raccolta dei dati necessaria per generare entrate pubblicitarie, ha senso diversificare in altre aree.

Sebbene le entrate totali di Alphabet, Inc. (società madre di Google) siano superiori all’81% dalla pubblicità di Google, l’azienda sta espandendo i suoi sforzi in altre aree.l’azienda Altre fonti di reddito Compresi costi di licenza Android, archiviazione cloud, applicazioni e abbonamenti. L’azienda sta sviluppando prodotti ad alta tecnologia, come auto a guida autonoma e sistemi di cloud gaming, questi prodotti potrebbero aggiungere entrate considerevoli ai suoi profitti nei prossimi anni.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *