Secondo il piano per lanciare il mercato IPO di Londra, i fondatori manterranno più diritti di voto

[ad_1]

In base alla nuova proposta per attirare i principali gruppi tecnologici, il Regno Unito consentirà ai fondatori di mantenere più diritti di voto nelle società che cercano di essere quotate nella principale borsa di Londra.

Lunedì la Financial Conduct Authority ha formulato un piano per riformare le regole di quotazione della società e consentire una maggiore doppia equità, che conferisce ad alcuni azionisti più diritti di voto rispetto ad altri. L’obiettivo del regolatore è invertire il declino a lungo termine del numero di quotazioni e aiutare Londra a competere con i centri d’oltremare in forte espansione come New York, Hong Kong e Shanghai.

Queste iniziative si basano sulle raccomandazioni del rapporto che è entrato nel Regno Unito quest’anno Campo della tecnologia finanziaria, Dall’ex CEO di Worldpay Ron Kalifa e Sistema di elenco L’ex commissario per i servizi finanziari dell’Unione europea Lord Jonathan Hill (Lord Jonathan Hill) ha proposto riforme per sostenere e incoraggiare le aziende tecnologiche britanniche, un’area prioritaria per il futuro della City di Londra dopo la Brexit.

La FCA propone che i fondatori che sono ancora dirigenti e altri amministratori possano avere 20 voti per azione, il che consentirà loro di controllare il 50% dei diritti di voto mantenendo solo il 5% delle azioni totali per un periodo massimo di cinque anni. Se cessano di essere amministratori, rinunceranno ai loro diritti.

La struttura a doppia partecipazione conferisce ad alcuni azionisti maggiori diritti di voto rispetto ad altri, è comune in altri mercati, soprattutto a New York, ma ha suscitato polemiche tra alcuni gestori di fondi britannici che si preoccupano degli standard di governance e credono che l’equità debba essere basata di “equità”. Un’azione, un voto”.

FCA propone inoltre di ridurre il numero minimo di azioni offerte al pubblico al momento della quotazione dal 25% al ​​10%, che è inferiore alla soglia del 15% raccomandata da Lord Hill.

Il regolatore spera anche di aumentare il valore minimo di mercato della nuova società dalle precedenti 700.000 sterline a 50 milioni di sterline. FCA ha affermato che le aziende più piccole saranno supportate meglio nei mercati in crescita specializzati come Aim e Aquis Growth Markets, piuttosto che nei mercati principali.

Delphine Currie, partner dello studio legale Reed Smith, ha descritto l’aumento delle barriere al valore di mercato come “particolarmente evidente”.

“FCA dovrebbe prendere in considerazione l’aumento della soglia in fasi, perché ora potremmo vedere le società con un valore di mercato inferiore a 50 milioni di sterline essere escluse dalle principali quotazioni”, ha affermato.

“Sebbene qualsiasi cambiamento che renda il mercato londinese più competitivo è il benvenuto, molte delle riforme proposte potrebbero arrivare troppo tardi e potrebbero essere dannose”.

Le autorità sono desiderose di invertire il declino a lungo termine delle società quotate sul mercato azionario britannico. Secondo la revisione della quotazione di Lord Hill, il numero di società quotate nel Regno Unito è diminuito di circa il 40% rispetto al 2008, mentre il Regno Unito ha rappresentato solo il 5% delle IPO globali dal 2015 al 2020. Anche così, la Borsa di Londra ha raccolto più di 27 miliardi di sterline nella prima metà di quest’anno, il totale più alto dal 2014.

Julia Hoggett, amministratore delegato della Borsa di Londra Sostieni la riforma Ha anche definito questa consultazione un “passo positivo”. FCA condurrà consultazioni in estate e prevede di formulare regole entro la fine dell’anno.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *