Sei stati degli Stati Uniti non raggiungeranno un accordo transattivo di oppioidi da 26 miliardi di dollari con il distributore Johnson & Johnson Reuters

[ad_1]

© Reuters. Foto del file: il 29 maggio 2019, il logo Johnson & Johnson è stato visualizzato sullo schermo della Borsa di New York (NYSE) a New York, USA. REUTERS/Brendan McDermid

Autore: Nate Raymond e Tom Hals

(Reuters)-Almeno sei Stati Usa, tra cui la Georgia, hanno deciso che non firmeranno completamente l’accordo transattivo da 26 miliardi di dollari con tre distributori di farmaci e Johnson & Johnson (NYSE:), quest’ultimo accusato di aver contribuito all’epidemia di oppiacei negli Stati Uniti , secondo i procuratori generali dello Stato.

Gli Stati devono decidere entro sabato se sostenere l’accordo proposto da 21 miliardi di dollari https://www.reuters.com/legal/litigation/drug-distributors-jj-reach-landmark-26-bln-opioid-settlement-2021-07 -21 e McKesson Corp (NYSE:), AmerisourceBergen (NYSE:) Corp e Salute cardinale Inc (NYSE :) e un accordo separato da 5 miliardi di dollari con Johnson & Johnson (J&J).

La Georgia è stato il più grande stato che ha dichiarato che non si sarebbe unito all’accordo lunedì.

“Attualmente, l’adesione a un accordo nazionale non garantisce i migliori risultati per la Georgia e le sue contee, città e cittadini”, ha affermato l’ufficio del procuratore generale in una e-mail. “Se necessario, intenteremo una causa contro la nostra richiesta in modo che tutti i georgiani possano recuperare il più possibile per affrontare questa crisi devastante”.

Anche gli stati di New Mexico, Oklahoma, Washington e West Virginia si sono rifiutati di partecipare a queste transazioni, ha affermato il loro procuratore generale di stato. Il New Hampshire ha accettato di raggiungere un accordo con il distributore, ma non ha accettato l’accordo Johnson & Johnson.

Il complesso piano transattivo prevede almeno 44 Stati partecipanti, ma alla fine la società decide se avere “massa critica” a cui aderire e se portare a termine l’operazione.

La dimensione dell’insediamento dipende dal numero di paesi partecipanti. Coloro che si rifiutano di aderire cercheranno un maggiore recupero continuando a combattere l’imputato in tribunale. Queste società hanno pagato centinaia di milioni di dollari in sentenze e altre spese di liquidazione.

La transazione è stata annunciata il 21 luglio da 14 procuratori generali dello stato e mira a risolvere più di 3.000 cause legali che accusano i distributori di ignorare gli antidolorifici trasferiti alle comunità per uso illegale e Johnson & Johnson minimizzando i pericoli della dipendenza da oppiacei.

Il denaro sarà utilizzato per finanziare cure e altri servizi.

Le due società hanno negato illeciti, affermando che questi farmaci sono stati approvati dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti e che la responsabilità dell’aumento delle vendite di antidolorifici è di altri, compresi medici e agenzie di regolamentazione.

McKesson ha affermato che le due società devono determinare se l’accordo ha un supporto sufficiente prima del 4 settembre e che il processo è in corso. Cardinal Health e AmerisourceBergen hanno rifiutato di commentare e Johnson & Johnson non ha risposto immediatamente alle richieste di commento.

Secondo fonti a conoscenza della situazione, anche il sostegno dei due stati, Nevada e Alabama, appare discutibile.

Il procuratore generale del Nevada ha rifiutato di commentare e il procuratore generale dell’Alabama non ha risposto a una richiesta di commento.

La partecipazione degli stati è strettamente legata alla partecipazione dei loro governi locali, che ha innescato la maggior parte delle cause. Le città e le contee degli Stati partecipanti devono firmare entro il 2 gennaio. Alla fine, l’accordo di 10,7 miliardi di dollari era correlato al livello di partecipazione locale.

Il negoziatore capo e procuratore generale della Carolina del Nord Josh Stein ha dichiarato il mese scorso che si aspetta che il “Nord” dei 40 stati si unisca.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *