Shochu per i birrifici giapponesi inonda i mercati esteri – shareandstocks.com

[ad_1]

Tokyo-giapponese Shochu I produttori stanno lottando per ottenere un punto d’appoggio nei mercati esteri poiché stanno lottando per far fronte alla contrazione della popolazione interna.

Shochu è un distillato tradizionale, solitamente a base di cereali o patate. I produttori di birra sono stati duramente colpiti dalla pandemia di coronavirus, ma la loro principale sfida a lungo termine, il declino del mercato interno, precede la diffusione del COVID-19.

Hamada Shuzo, un birrificio nella città di Kagoshima nel sud-ovest, lancerà a luglio un marchio shochu specifico per le vendite all’estero. Daiyame 40 contiene patate dolci e riso nero koji koji e altri ingredienti, che conferiscono allo spirito un profumo di litchi e rosa. Hamadasyuzou descrive il nuovo shochu come acuto, leggero e dolce.

A luglio, Hamada Shuzo inizierà a esportare Daiyame 40 negli Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Germania, Cina, Taiwan, Hong Kong e Singapore. Spera che il lancio del prodotto lo aiuterà a raggiungere 100 milioni di yen ($ 905.000) di vendite entro giugno 2023.

In Giappone, lo shochu viene solitamente mangiato con acqua calda o fredda, rocce o acqua gassata. Ma Hamadasyuzou ha commercializzato Daiyame 40 come base per cocktail.

“A causa della pandemia di coronavirus, le persone trascorrono più tempo a casa. Sempre più persone amano preparare cocktail in casa e acquistare liquori come gin e vodka come base per i cocktail”, ha detto al Giappone Shuro Kawano del dipartimento di marketing di Hamada Shuzo. Asia. Il produttore di birra di Kagoshima spera che anche i bevitori di cocktail si interessino allo shochu.

Kawano ha detto che una volta che lo shochu diventerà una tendenza nei cocktail, l’azienda prenderà in considerazione la vendita di Daiyame 40 in Giappone e spera di aumentare il pescato all’estero.

I birrai giapponesi non hanno altra scelta che cercare la crescita all’estero. Secondo l’amministrazione fiscale nazionale, il consumo di shochu giapponese nel 2019 è diminuito del 21% rispetto a un decennio fa, perché le persone bevono meno alcol e le persone passano ad altre bevande. Tuttavia, su scala globale, il mercato degli alcolici è in forte espansione: secondo Statista, dovrebbe valere 481 miliardi di dollari entro il 2021 e dovrebbe crescere del 6,89% annuo dal 2021 al 2025.

“A causa del calo della popolazione e del consumo di alcolisti giapponesi, stiamo cercando canali di vendita all’estero. Il mercato globale degli alcolici sta crescendo in modo significativo e speriamo di espandere i canali di vendita degli alcolici giapponesi”, ha sottolineato Kawano.

Tuttavia, rispetto al whisky giapponese, che ha guadagnato un ampio seguito all’estero, lo shochu è meno conosciuto. La maggior parte dei produttori di shochu sono piccoli e non hanno il potere di marketing e l’esperienza dei distillatori di whisky giapponesi. Secondo i dati del Ministero delle finanze, lo scorso anno il Giappone ha esportato 27,1 miliardi di yen di whisky, mentre le esportazioni di shochu sono state di 1,2 miliardi di yen.

Il primo ministro giapponese Yoshihide Suga sostiene gli sforzi dell’industria giapponese degli alcolici per espandersi all’estero. L’obiettivo del suo governo è più che triplicare le esportazioni di shochu e shochu. AwamoriI distillati di Okinawa raggiungeranno i 4 miliardi di yen entro il 2025, rispetto al livello del 2020.

Makoto Togou, capo degli affari internazionali di Sanwa Shurui, ha dichiarato al Nikkei Shimbun: “Il sostegno del governo e gli elogi internazionali per gli alcolici giapponesi come il whisky e il gin hanno contribuito a stimolare l’interesse dei baristi stranieri per lo shochu”. , Shochu è stato a lungo sconosciuto all’estero.

Sanwa Shurui, situata nella prefettura di Oita nel Giappone occidentale, condivide le stesse preoccupazioni con molti produttori di birra sulla salute del mercato interno. Con una strategia simile a Hamada Sake Store, Sanwa Sakai ha sviluppato un marchio shochu specifico per il mercato americano. Lo shochu forte, chiamato iichiko Saiten, ha una gradazione alcolica del 43% ed è pensato per essere utilizzato come base per cocktail.

Quando Sanwa ha lanciato il prodotto nel 2019, inizialmente era rivolto ai bar. Poi è scoppiata la pandemia e ha iniziato a fornire servizi di consegna a domicilio. Ha anche messo online ricette di cocktail per stimolare la domanda durante il periodo di lock-in. In futuro, i birrai sperano di introdurre i loro prodotti a Londra, Hong Kong e Singapore, famose per la loro cultura del bar.

leggi di più

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *