“Siamo misericordiosi con Dio”: gli isolani calcolano il costo degli incendi in Grecia

[ad_1]

Efstathios Nicolaou ha rinviato di due giorni il funerale di sua sorella perché il peggior incendio nella storia recente della Grecia ha colpito la sua città natale, Evia, annegandola in un fumo denso, costringendo migliaia di persone a fuggire e cambiando ciò che la gente del posto conosceva la vita.

Poi è arrivato l’ordine di evacuazione. Il Nicola e la moglie però rimasero nel villaggio di Asmini, terminarono la cerimonia e seppellirono i loro parenti, che morirono per cause estranee all’incendio e le fiamme divamparono dietro di loro. Hanno detto che intervenire sul posto ha salvato la loro casa.

“Il villaggio evacuato è stato distrutto”, ha detto sua figlia Federa. “Abbiamo visto quelli che erano intatti e non evacuati. Ci siamo resi conto che la gente del posto ha salvato il villaggio. I locali hanno comunicato tra loro per impedire che il fuoco si estendesse ad altri villaggi. Alcune persone sono state quasi bruciate a morte. [in doing so].

Phedra Nicolaou, residente a Evia, ha affermato che molte case sono state salvate solo perché la gente del posto non ha obbedito all’ordine di evacuazione e ha difeso la loro proprietà © Nicolas Economou/FT

Un residente gocciola acqua mentre spegne un incendio nel villaggio di Gouves in Evia. Gli isolani dicono di essersi sentiti abbandonati quando è scoppiato l’incendio © Angelos Tzortzinis/AFP via Getty Images

Gli incendi stanno imperversando nel Mediterraneo meridionale e altrove in questa stagione, e gli esperti affermano che con il cambiamento climatico, tali ondate di calore diventeranno più comuni: si ritiene che alcune delle conseguenze siano dovute a ondate di calore da record. irreversibile –Continua.

Secondo l’agenzia di gestione delle emergenze Copernicus dell’Unione europea, la distruzione di Evia, la seconda isola più grande della Grecia, è particolarmente grave: un incendio che ha bruciato per quasi due settimane nel nord dell’isola ha distrutto 50.900 ettari di foresta e distrutto decine di aziende. Venerdì è scoppiato un nuovo incendio vicino a Calcide, la città principale dell’isola, e vigili del fuoco e aerei lo stavano spegnendo.

Una mappa animata che mostra gli incendi nel Mediterraneo nell'estate del 2021.Da fine luglio sono aumentati gli incendi in Italia, Turchia, Grecia e Algeria

Evia si basa sull’agricoltura e sul turismo, ma la gente del posto dice che la sua anima risiede nelle industrie che si basano sulle foreste, tra cui la raccolta della resina e la produzione di miele, che impiegano centinaia di dipendenti.

“Siamo nati per la foresta”, ha detto Angelos Anagnostou, un contadino in pensione del villaggio settentrionale di Kulkuli, dove il fuoco ha distrutto alveari e grandi foreste. “Spero che nessuno al mondo sperimenterà questa situazione”.

Decine di isolani hanno dichiarato al Financial Times di sentirsi abbandonati a causa della distruzione di alberi e mezzi di sussistenza. Sebbene molto grati ai volontari e ai vigili del fuoco professionisti sul campo, hanno affermato che le loro risorse sono al di là delle loro capacità, ma molti hanno criticato i vigili del fuoco per il ritardo.

La casa di Petros Aidinian vicino ad Agia Anna, nel nord, è stata completamente bruciata e ha detto che “a nessuno importa” e che “non c’era nessun aereo” quando è scoppiato l’incendio.

Petros Aidinian davanti alle rovine della sua casa vicino ad Agia Anna © Nicolas Economou

Atene ha confutato alcune delle critiche, ma il primo ministro Kyriacos Mizotakis si è scusato all’inizio di questa settimana, affermando che gli sforzi “non sono stati sufficienti” in alcuni casi. Ma il governo ha affermato che l’ordine di evacuazione ha salvato vite e non ci sono state quasi vittime legate agli incendi.

Il governo ha promesso 500 milioni di euro nell’ambito del piano di salvataggio e ha nominato Christos Triantopoulos ministro responsabile della ripresa dai disastri naturali.

Una mappa che mostra l'area bruciata dagli incendi sull'isola di Evia, Grecia

Sultana Sourila, proprietaria di un ristorante nel villaggio di Galazona, ha detto che le è stato detto di andarsene quando è iniziato l’incendio. “Non siamo andati perché volevamo salvare la nostra casa”, ha detto. “Fortunatamente, quando è scoppiato l’incendio, avevamo l’acqua e i vigili del fuoco erano lì”.

Yorgos Moraitis, proprietario di una stazione di servizio nel villaggio di Roviés, con l’aiuto di volontari e suo figlio Mikhalis (ex vigile del fuoco), ha combattuto un incendio che è sceso da una montagna vicina. “Le cose sono fuori controllo, possiamo solo ascoltare la misericordia di Dio”, ha detto.

Morettis ha detto che la pioggia tra mercoledì e giovedì ha aiutato a controllare l’incendio, ma ha anche causato la minaccia di inondazioni. “no [disaster] infrastruttura, [natural] Gli incidenti sono in aumento”, ha detto. “Ho molta paura del futuro. L’economia è finita. ”

Quando l’incendio è divampato a meno di 100 metri dal suo hotel nella località balneare di Pefki, l’albergatrice Chrysoula Liakou ha detto ai suoi ospiti di partire e prepararsi a portare i suoi genitori anziani, Pariso di 89 anni, e Yogos di 87 anni. posto sicuro.

“La casa sta per bruciare”, ha detto Leah. “I miei genitori sono molto spaventati, i loro cuori stanno ‘applaudendo’ e il cane sta piangendo. È terribile, terribile”.

Pariso (a destra) e Yorgos Liakou hanno aspettato durante la notte sul traghetto di salvataggio dopo aver evacuato Pefki © Kostas Tsironis/EPA-EFE/Shutterstock

La famiglia è stata portata al traghetto ormeggiato vicino alla spiaggia, dove ha aspettato fino al giorno successivo. Ora, Liaokou è tornato a casa. “Tutti i turisti se ne sono andati, niente lavoro, niente soldi”, ha detto.

Vicino a Kurkuri, gli incendi hanno distrutto l’industria della resina. “Stiamo producendo a pieno regime. Questo è un disastro”, ha affermato Yannis Gerogiannis, che raccoglie resina da 32 anni. “Cosa dovremmo fare? Siamo disoccupati e senza potere. Ci vorranno almeno 40 anni perché gli alberi si rigenerino”.

“Ho 38 anni. Non vedrò mai più questa foresta, né la prossima generazione”, ha detto il figlio di Angelos e collezionista di resina Yorgos Anagnostou, che ha affermato che ora sta considerando di emigrare. Quando le fiamme hanno avvolto la zona, i suoi genitori hanno guidato per un chilometro attraverso un denso fumo per raggiungere il loro bestiame e aiutare gli altri. Hanno detto che quando il loro camion si è rotto, hanno aperto un idrante sulla strada e si sono nascosti sott’acqua per proteggerli dal muro di fuoco che avanzava.

Il collezionista di resina Yorgos Anagnostou ha affermato che non vedrà nemmeno la foresta tornare al suo stato originale.

Il collezionista di resina Yorgos Anagnostou ha affermato che non vedrà nemmeno la foresta tornare al suo stato originale. © Nicolas Economou/FT

Gli incendi hanno spazzato la foresta vicino a Pefki. L’industria locale del miele e della resina fa affidamento sui pini © Alkis Konstantinidis/Reuters

Mentre le persone cercano risposte su come i disastri hanno spazzato via le loro comunità così rapidamente, prevalgono le teorie della cospirazione. La figlia di Sourila, Eleni, ha affermato che l’incendio è stato “messo in scena”. “Vogliono bruciarci a morte”, ha detto.

Zoy Chalasti possiede un caffè ormai distrutto a Roviés da 38 anni e ha detto che ci sono voci secondo cui l’incendio è stato deliberatamente innescato per liberare il terreno per le turbine eoliche. “Tendo a crederci perché non c’è altra spiegazione. Credo che il cambiamento climatico sia legato alle foreste, che sono secche e secche. Ma nel villaggio vogliono distruggerci”, ha detto.

“L’economia non si riprenderà, e nemmeno noi”, ha aggiunto Chalasti. “Sto seriamente pensando di andarmene, come molte altre persone del villaggio”.

Ma nonostante i danni, la pioggia di giovedì ha dato ai vigili del fuoco e ai residenti il ​​tanto necessario sollievo. “Vrechi,” disse Chalasti con un sorriso, alzando lo sguardo. Significa: “Sta piovendo”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *