Siemens è colpita dalle “montagne russe” della catena di approvvigionamento globale

[ad_1]

Il boss di Siemens, il più grande produttore industriale europeo, paragona la catena di approvvigionamento globale a un “ottovolante”, perché il rimbalzo irregolare dell’economia ha portato a shock nei prezzi di materiali come metalli e resine.

“Almeno per i prossimi due trimestri, questo lo vedremo [price] Pressione”, ha dichiarato al Financial Times il CEO Roland Busch. “Il mercato è così turbolento. ”

Il fisico, che ha assunto la guida del gruppo tedesco a febbraio, ha affermato che la velocità della ripresa globale sta avendo un “effetto di ritardo” sui fornitori di Siemens, che stanno ancora lottando per soddisfare la domanda.

Lo scorso autunno, dopo il forte calo causato dalla pandemia, c’è stato un improvviso aumento degli ordini, simile a una “V molto acuta… in Cina, questa è una V molto, molto acuta”, ha detto Bush.

“Se questo accade in un grande mercato, la tua catena di approvvigionamento è come un ottovolante… Hai questo effetto di ritardo, che è esattamente quello che stiamo vedendo”.

I commenti di Bush sono aggiornati Indice del responsabile degli acquistiSecondo un rapporto pubblicato da IHS Markit mercoledì, le interruzioni nella catena di approvvigionamento globale, in particolare la carenza di acciaio, rame, legno e plastica, hanno fatto aumentare i prezzi degli input delle società dell’Eurozona al ritmo più veloce in oltre un decennio.

I dati PMI, compreso il più grande aumento dei prezzi medi di beni e servizi dal 2002, suggeriscono che la pressione potrebbe continuare dopo che il tasso di inflazione di maggio è stato superiore all’obiettivo della BCE di leggermente inferiore al 2% per la prima volta dal 2018.

Tuttavia, la presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde e altri governatori delle banche centrali prevedono che il rimbalzo dell’inflazione sarà “temporaneo” e hanno affermato che le restrizioni all’offerta scompariranno l’anno prossimo.

Nel rapporto PMI di giugno, le restrizioni della Germania potrebbero essere allentate dopo che “il numero di aziende che segnalano tempi di consegna più lunghi per materiali e parti è leggermente diminuito”.

Busch di Siemens ha affermato che al momento il gruppo è in grado di trasferire l’aumento dei prezzi dei materiali ai clienti senza perdere affari.

“I nostri concorrenti siedono sulla stessa barca e si riforniscono dagli stessi fornitori”, ha affermato. “Finché disponiamo di prodotti innovativi, abbiamo anche un certo potere di determinazione dei prezzi”.

Siemens ha subito una profonda ristrutturazione e ha ceduto le sue attività sanitarie ed energetiche e si prepara ad annunciare il suo prossimo passo nella trasformazione da un gruppo aziendale a un gruppo aziendale più mirato, integrato da competenze software.

“I nostri clienti beneficiano della nostra capacità di combinare il mondo reale con il mondo digitale”, ha affermato Bush.

Ha aggiunto che il core business del gruppo si concentra sull’automazione e la digitalizzazione delle fabbriche, la costruzione e le operazioni di rete, i treni e la costruzione di infrastrutture e cercherà acquisizioni in “mercati vicini molto interessanti”.

Busch ha citato la recente acquisizione da 700 milioni di dollari della società californiana Supplyframe, un mercato online di componenti elettronici, come esempio del tipo di acquisizione che Siemens spera di fare in futuro.

Siemens ha affermato che il suo fatturato software nel 2020 dovrebbe essere di 5,3 miliardi di euro, con un tasso di crescita annuale composto di circa il 10% nei prossimi quattro anni.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *