“Solid” Scholz batte i rivali nella campagna elettorale tedesca

[ad_1]

Amburgo, una città notoriamente a denti stretti, raramente si eccita quando arrivano politici di spicco, a meno che quel politico non sia il loro ex sindaco e il figlio politico più famoso Olaf Scholz.

Schultz, attualmente ministro delle finanze tedesco, succederà ad Angela Merkel come cancelliere nelle elezioni federali di settembre. Quando ha visitato la città della Lega Anseatica la scorsa settimana, gli acquirenti sorridevano brillantemente, alzavano i pollici e posavano per selfie ovunque andasse.

“Può sicuramente ottenere il mio voto”, ha detto il revisore dei conti Marvin Reimers, agitando la firma di Scholz. “È un grande sindaco e sarà un grande primo ministro in futuro”.

Se i tedeschi possono eleggere direttamente i loro leader, Schultz sarà un favorito in fuga.

Una specie di Sondaggi recenti ARD/Deutschlandtrend ha scoperto che il 35% delle persone vuole che succeda a Merkel, mentre il 20% sostiene il candidato primo ministro CDU/CSU di centrodestra della Merkel, Armin Laschet, e il 16% sostiene Annalena Baerbock del Partito dei Verdi.

Wolfgang Schroeder, politologo presso il Centro per le scienze sociali di Berlino, ha dichiarato: “Schultz è un tecnocrate determinato e post-eroico”. “

Il problema di Schultz è lo scarso rendimento del suo Partito socialdemocratico nei sondaggi. L’affluenza alle urne del Partito socialdemocratico è stata solo del 18%, in ritardo rispetto al 27% della CDU/CSU e al 19% del Partito dei Verdi.

A meno di 50 giorni dalle elezioni, la sfida per Schultz è come tradurre i suoi alti voti personali in un migliore voto di partito.

“Il mio messaggio al popolo tedesco è: se vuoi che diventi primo ministro, devi votare per il Partito socialdemocratico”, ha detto di recente al Financial Times.

Questo può essere un grosso problema. Il Partito socialdemocratico è in declino da molti anni, il che riflette la contrazione della classe operaia industriale tedesca (base tradizionale del partito).

Molti ex sostenitori del partito non l’hanno mai perdonato Mercato del lavoro radicale e riforme del welfare È stato realizzato nei primi anni 2000 sotto la guida dell’allora primo ministro Gerhard Schröder. Queste riforme hanno contribuito al più lungo boom economico della Germania dopo la guerra. Tuttavia, come ha ammesso un politico di spicco del Partito socialdemocratico: “All’epoca abbiamo perso molta fiducia e non l’abbiamo riconquistata”.

Si ritiene inoltre che ci sia un enorme divario tra il partito e il suo candidato primo ministro. Il centrista Scholz ha perso contro altri due candidati di sinistra Saskia Esken e Norbert Walter-Borjans nella competizione per la leadership SPD del 2019. Da allora non è stato chiaro chi abbia veramente dominato le redini.

Nonostante ciò, i sondaggi di opinione del Partito socialdemocratico sono aumentati nelle ultime settimane, anche perché i due concorrenti di Scholz, Laschet e Baerbock, hanno commesso molti errori. Il leader del Partito dei Verdi ha dovuto resistere alle accuse di plagio e abbellimento del suo curriculum. Lashett è stato sorpreso a ridere davanti alla telecamera durante una visita a un’area distrutta dall’alluvione il mese scorso ed è stato duramente criticato dai media.

“Per diverse settimane, due dei tre candidati al primo ministro sono stati impegnati a scusarsi per i loro errori e a correggere i loro errori”, ha affermato Lars Klimbell, segretario generale del Partito socialdemocratico. “Quando due si autodistruggono, il terzo si distingue.”

Al contrario, Schultz non ha fatto quasi errori. Il briefing del telegiornale ha mostrato che ha arrancato duramente nelle aree allagate, promettendo di fornire miliardi di dollari in assistenza governativa.È stato anche ispirato di recente Accordo globale sulle aliquote minime dell’imposta sulle società -Un accordo che ha sostenuto a lungo.

Il funzionario del Partito socialdemocratico ha affermato che gli elettori hanno finalmente capito che la Merkel, che ha governato la Germania per 16 anni, non si candiderà a settembre. Ciò potrebbe giovare a Schultz, che si dipinge come un pragmatico centrista esperto nel modello Merkel.

“La domanda chiave nella mente di sempre più elettori è chi dovrebbe gestire il paese, e la risposta a cui alla fine arrivano è che abbiamo bisogno di un professionista”, ha detto Klimber.

Scholz ha il curriculum più impressionante: è stato ministro federale del lavoro e sindaco di Amburgo, nel 2018 è diventato ministro delle finanze e vice primo ministro. Laschet è diventato il primo ministro del Nord Reno-Westfalia solo nel 2017, mentre Baerbock è diventato famoso in tutto il paese. Nessuna esperienza di governo.

I funzionari del Partito socialdemocratico sperano che le fortune sempre migliori all’interno del loro partito cambieranno la dinamica delle elezioni. Il consenso a lungo termine è che la Germania alla fine stabilirà la CDU/CSU-Green Alliance. Tuttavia, se il Partito socialdemocratico diventa il secondo partito più grande davanti al Partito dei Verdi, potrebbe avere un risultato completamente diverso.

A quel tempo, la Germania potrebbe finalmente avere un’alleanza “a semaforo” – rosso per SPD, ambra per il Partito Liberale FDP e verde per il Partito dei Verdi – con Scholz come primo ministro.

Il politologo Schroeder ha dichiarato: “Questo sarà interessante per gli elettori, perché in 16 anni si potrà finalmente avere un governo senza CDU/CSU”.

Schultz era convinto di avere un percorso verso il potere. Sono finiti i tempi in cui un partito vinceva più del 40% dei voti. “Ciò significa che solo piccoli cambiamenti nel comportamento degli elettori possono creare nuove costellazioni”, ha affermato.

Un ostacolo al successo potrebbe essere ancora la sua stessa personalità. Parla a bassa voce, con un carattere gentile e un po’ freddo. I critici dicono che non ha fascino.

In una domanda colloquio Il mese scorso, che gli mancasse l’emozione o meno, la sua risposta è stata compresa da qualsiasi hamburger indifferente: “Sostengo la posizione del primo ministro, non un direttore di circo”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *