Sunak deve affrontare un conto da 4 miliardi di sterline per mantenere l’impegno pensionistico “triplo lock-in””

[ad_1]

Se Rishi Sunak manterrà la promessa del “triplo blocco” del Partito Conservatore, dovrà spendere fino a 4 miliardi di sterline per i pensionati dal prossimo anno, anche se sta cercando di stringere i portafogli del Paese. .

L’anomalia nei dati sui salari ha spinto il tasso di crescita complessivo del reddito medio nel Regno Unito al 5,6% ad aprile e gli economisti prevedono che il tasso di crescita salirà a circa l’8% a luglio.

Se il Primo Ministro insisterà sul triplice impegno del Partito Conservatore – garantire che la pensione nazionale cresca al più alto tasso di crescita del reddito medio, inflazione, o 2,5% ogni anno – il governo dovrà aumentare le pensioni a luglio al tasso di crescita complessiva. Il National Bureau of Statistics e gli economisti affermano che il tasso di crescita del reddito reale è molto più basso.

Il ministero delle Finanze ha lasciato intendere che il governo sta affrontando una dura prova su questo tema, affermando che il suo obiettivo è “assicurare equità per pensionati e contribuenti”.

Il dipartimento ha aggiunto che il segretario di Stato per il lavoro e le pensioni, Thérèse Coffey, deciderà la nuova aliquota fiscale nazionale per le pensioni nella revisione annuale di quest’anno, ma la decisione finale sarà presa dal primo ministro Sunak e da Boris Johnson.

Ad aprile di quest’anno, i pensionati hanno ricevuto un aumento di default del 2,5%. Ma rispetto allo scorso anno, il tasso salariale è stato distorto dalla crescita, quando milioni di persone ricevevano solo l’80% dei loro salari in programmi di vacanza.

Anche i livelli di reddito medio sono stati aumentati artificialmente perché la maggior parte dei posti di lavoro persi durante la pandemia erano nelle industrie a basso reddito. L’Istituto nazionale di ricerca economica e sociale (NIESR) prevede che la crescita media del reddito nel secondo trimestre raggiungerà l’8,1%.

La crescita dei salari di base è molto inferiore a quella indicata dagli indicatori complessivi. Il National Bureau of Statistics del Regno Unito stima che nei tre mesi terminanti ad aprile il tasso di crescita medio sia di circa il 3%, mentre il NIESR prevede un tasso di crescita medio del 2,5% nel secondo trimestre.

Con il triplo blocco in atto, nell’aprile del prossimo anno, il costo annuale della pensione di base del governo di 85 miliardi di sterline aumenterà a un ritmo molto più rapido del reddito dell’adulto medio in età lavorativa, soprattutto considerando la fine del piano del governo per aumentare la pensione di base di 20 Il piano della sterlina. Tasso di indennità di anzianità a caduta.

Secondo i dati dell’Ufficio per la responsabilità di bilancio dell’Agenzia indipendente di vigilanza finanziaria, un aumento di un punto percentuale della pensione statale significa un aumento permanente della spesa sociale dei pensionati di circa 800 milioni di sterline all’anno.

Le proiezioni del NIESR indicano che per allineare gli standard di vita dei pensionati con gli standard di vita degli adulti che lavorano, il governo potrebbe spendere 4 miliardi di sterline in più ogni anno.

La scelta delle pensioni da parte del Ministero delle finanze sarà confrontata con il suo rifiuto di sostenere le spese una tantum Al passo con la spesa per l’istruzione, Accettare un decimo del livello raccomandato dal consulente governativo.

Sir Steve Webb, un partner della società di consulenza LCP ed ex segretario per le pensioni, ha affermato che i pensionati non dovrebbero aspettarsi che il loro reddito sia legato alla crescita media del reddito di quest’anno. “Se l’obiettivo del collegamento al reddito è garantire che i pensionati non restino indietro rispetto al resto della popolazione, allora il governo deve agire”, ha affermato.

Sarah Coles, analista di finanza personale presso Hargreaves Lansdown, ha affermato che un’opzione è che il governo regoli il modo in cui viene calcolata la crescita delle pensioni per regolare la crescita del reddito per un periodo di tempo più lungo. Ciò eviterà una crescita sostanziale “quando la popolazione attiva potrebbe ancora riprendersi dall’impatto economico della crisi”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *