Sydney affronta il “periodo peggiore” della pandemia durante l’epidemia del delta Reuters

[ad_1]

© Reuters. Le persone aspettano in fila fuori dal Centro di vaccinazione per la malattia del Coronavirus (COVID-19) nel Sydney Olympic Park, Sydney, Australia, il 23 giugno 2021. REUTERS/Jane Wardell

Di Renju Jose

Sydney (Reuters)-Nuovo Galles del Sud (NSW), lo stato più popoloso dell’Australia, ha riferito che mentre i funzionari stanno lavorando per contenere l’epidemia di virus delta altamente contagiosa, i nuovi casi locali di COVID-19 infetti sono stati segnalati per il terzo giorno consecutivo. una crescita a doppia cifra.

“Dall’inizio della pandemia, questo potrebbe essere il periodo più terrificante che sta attraversando il New South Wales”, ha detto ai giornalisti a Sydney il governatore Gladys Berekiklian.

Il Nuovo Galles del Sud ha imposto severe restrizioni alla città più grande dell’Australia, Sydney, che ospita un quinto dei 25 milioni di abitanti del Paese. Funzionari sanitari hanno affermato che anche se ci sono pochi contatti con le persone infette, la trasmissione può verificarsi.

Sebbene l’Australia abbia frenato con successo le epidemie passate attraverso blocchi rapidi, rigide regole di allontanamento sociale e una rapida tracciabilità dei contatti in passato, finora i funzionari del New South Wales hanno rifiutato le richieste di rigorosi blocchi.

Dall’inizio della pandemia, l’Australia ha riportato quasi 30.400 casi e 910 decessi.

Berejiklian ha affermato che sebbene la variante del virus sia altamente contagiosa, il suo governo è “in questa fase” soddisfatto dell’attuale livello di restrizioni.

Il governatore dell’Australia occidentale Mark McGowan ha esortato le autorità del Nuovo Galles del Sud a imporre un blocco allo stato per “distruggere e uccidere” il virus e ha avvertito che un “tocco leggero” di misure di contenimento potrebbe portare a un’impennata delle infezioni. L’Australia occidentale ha chiuso il confine con il Nuovo Galles del Sud.

Le autorità del Nuovo Galles del Sud hanno imposto le mascherine in tutti i luoghi chiusi (compresi gli uffici) a Sydney, impedendo ai residenti delle sette aree parlamentari nell’est e nell’interno ovest di Sydney di lasciare la città e limitando le riunioni di famiglia a cinque o meno per contenere il stato Il primo focolaio in più di un mese.

Dopo che alcuni stati come l’Australia occidentale hanno chiuso violentemente i loro confini mentre altri hanno imposto rigide regole di confine, lo stato è stato effettivamente isolato dal resto del paese.

Giovedì sono stati segnalati 11 nuovi casi locali, portando il numero totale di infezioni nell’ultimo focolaio a più di 40. I dati di giovedì includono 6 casi scoperti dopo la scadenza delle 20:00 e questi casi saranno inclusi nelle statistiche di venerdì.

Dopo che il ministro dell’Agricoltura del Nuovo Galles del Sud Adam Marshall è risultato positivo al COVID-19, l’Assemblea dello Stato del Nuovo Galles del Sud ha pubblicato giovedì un elenco ristretto di politici autorizzati a entrare nella camera.Il ministro della salute Brad Marshall Brad Hazzard è stato messo in quarantena dopo essere stato considerato essere in stretto contatto con il caso positivo.

Il Queensland ha segnalato tre nuovi casi locali e Victoria ne ha rilevato uno, ma i funzionari di entrambi gli stati hanno affermato che questi casi rappresentano un basso rischio per la comunità perché gli infetti erano in isolamento quando hanno contratto il virus.

La vicina Nuova Zelanda non ha segnalato nuovi casi locali giovedì.Il giorno prima, dopo che un turista australiano era risultato positivo al COVID-19 dopo essere tornato a Sydney dopo una visita nel fine settimana, la Nuova Zelanda ha alzato il livello di allerta nella capitale Wellington in risposta all’esposizione .

Wellington è entrato in un avviso di “livello 2” prima della mezzanotte di domenica, il che significa che c’è ancora del tempo prima del blocco per prevenire potenziali focolai.

Dichiarazione di non responsabilità: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidarsi a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *