Tagli obbligazionari più rapidi potrebbero mantenere aperte le opzioni di rialzo dei tassi di interesse Reuters

[ad_1]

© Reuters. Immagine del file: Robert Kaplan, presidente della Federal Reserve Bank di Dallas, parla durante un’intervista nell’ufficio della Bank of Dallas, Texas, USA, il 9 gennaio 2020. REUTERS/Ann Saphir

Howard Schneider e Jonell Matt

WASHINGTON (Reuters)-Due funzionari regionali della Federal Reserve Bank hanno detto lunedì che l’uscita più rapida della Fed dal programma di acquisto di obbligazioni potrebbe darle più margine di manovra nel decidere quando alzare i tassi di interesse.

La discussione su quanto velocemente porre fine al programma di acquisto di obbligazioni da 120 miliardi di dollari mensili della Fed è appena iniziata, ma i responsabili delle politiche dovrebbero tenere a mente come ciò influenzerà il dibattito sui tassi di interesse che segue.

Il presidente della Federal Reserve di St. Louis, James Brad, ha dichiarato in un evento virtuale organizzato dalla Federal Reserve: “La creazione di opzioni per il comitato sarà molto utile e questo farà parte del dibattito sulla riduzione, perché consideriamo quanto stiamo inviando segnali per le future politiche sui tassi di interesse.” Forum ufficiale delle istituzioni monetarie e finanziarie e Philadelphia Federal Reserve Bank.

I politici hanno evidenziato alcune delle principali questioni che i funzionari della Fed devono affrontare quando conducono i primi test del nuovo quadro strategico della banca centrale quando l’inflazione è forte e la ripresa del mercato del lavoro è più debole del previsto.

Il presidente della Fed di Dallas, Robert Kaplan, ha sottolineato che il quadro non menziona gli acquisti di obbligazioni volti ad abbassare i tassi di interesse e ad aumentare la domanda. Ora che la domanda è in aumento e molti dei principali fattori che limitano la crescita economica sono legati agli squilibri di offerta, “prima o poi” la Fed potrebbe avere maggiore flessibilità nelle discussioni sui tassi di interesse.

Avere un sano dibattito

Con il nuovo metodo, i funzionari sono disposti a superare l’obiettivo di inflazione del 2% della Fed entro un “periodo” al fine di raggiungere un tasso di inflazione medio del 2% e un’occupazione massima. Brad ha affermato che i politici devono decidere di quanta inflazione sono soddisfatti e per quanto tempo possono tollerare il superamento dell’obiettivo della Fed prima di adeguare la politica monetaria.

“Qual è il calendario per questo, e qual è la sua dimensione?”, ha detto. “Penso che questo sia un dibattito sano.”

L’ultima previsione economica pubblicata dopo la riunione politica della scorsa settimana ha mostrato che 11 dei 18 politici della Fed prevedono di aumentare i tassi di interesse almeno due volte entro la fine del 2023, che è diversa dalla situazione di marzo, quando la maggior parte dei politici ha sostenuto un interesse costante aliquota fino al 2024.

Il mercato è sorpreso dalla tendenza ad aspettarsi di iniziare ad alzare i tassi di interesse prima. Kaplan ha affermato che questa è stata una risposta al brusco cambiamento delle prospettive economiche tra dicembre e giugno.

Kaplan ha affermato che a dicembre il percorso della pandemia di coronavirus è ancora incerto. Ha detto: “Quando arriveremo a marzo, è chiaro che controlleremo la pandemia.” Entro giugno, le prospettive sono state “sostanzialmente migliorate”, il che fa sì che i funzionari principali si aspettino aumenti dei tassi di interesse nel 2023 anziché nel 2024. “Quello che vedi… i responsabili della politica monetaria stanno rispondendo solo a un miglioramento significativo delle prospettive economiche”.

Dichiarazione di non responsabilità: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidarsi a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *