Tasso di rendimento interno modificato (MIRR) e tasso di rendimento interno convenzionale

[ad_1]

Tasso di rendimento interno modificato (MIRR) e tasso di rendimento interno convenzionale: una panoramica

Quando valutano se intraprendere un nuovo progetto, i manager aziendali prenderanno in considerazione il loro tasso di rendimento interno (IRR). Questo indicatore è una stima del potenziale profitto annuale del progetto al netto dei costi.

L’indicatore del tasso di rendimento interno è molto popolare tra i manager aziendali, ma il fatto è che tende a esagerare la potenziale redditività del progetto e può portare a errori di budget di capitale basati su stime eccessivamente ottimistiche.

Un cambiamento, il tasso di rendimento interno rivisto, compensa questa mancanza e consente ai manager di controllare meglio l’ipotetico tasso di reinvestimento dai flussi di cassa futuri.

  • I calcoli del tasso di rendimento interno standard possono esagerare il potenziale valore futuro del progetto.
  • Distorcerà il costo della crescita del reinvestimento in tutte le fasi del progetto.
  • Il tasso di rendimento interno rivisto consente di adeguare le ipotesi del tasso di crescita del reinvestimento nelle diverse fasi del progetto.

Tasso di rendimento interno (IRR)

Uno Calcolo del tasso di rendimento interno Può essere effettuato su qualsiasi investimento in esame, che si tratti di una decisione di un singolo investitore o di una decisione di un’azienda su un grande progetto.

È un calcolo del potenziale tasso di rendimento dell’investimento. In altre parole, è la percentuale di crescita annua che ci si può aspettare dall’investimento. Ovviamente, maggiore è il numero, migliore è l’investimento.

Questi numeri sono spesso usati per confrontare il potenziale di più opzioni o progetti. Ad esempio, un’azienda che sta valutando l’espansione in una nuova linea di prodotti potrebbe confrontare il tasso di rendimento interno se si espande creando nuove fabbriche, acquistando concorrenti o importando prodotti.

Svantaggi dell’IRR

Il calcolo dell’IRR non descrive il quadro reale di come i flussi di cassa vengono effettivamente iniettati nei progetti futuri.

Il flusso di cassa viene solitamente reinvestito in Costo del capitale, che è diversa dalla velocità con cui sono stati generati originariamente. L’IRR presuppone che il tasso di crescita rimanga costante tra i progetti.

È facile esagerare il potenziale Valore futuro Ci sono tassi interni di base dei dati di ritorno.

Quando il progetto ha sia un flusso di cassa positivo che negativo, sorge un altro grosso problema di IRR. In questi casi, IRR può generare più numeri, il che può portare a incertezza e confusione.

Tasso di rendimento interno modificato (MIRR)

La formula è Tasso di rendimento interno rivisto Consente agli analisti di modificare l’ipotesi del tasso di crescita del reinvestimento nelle varie fasi del progetto.

Il metodo più comune è inserire la media Costo stimato del capitale, Ma puoi aggiungere in modo flessibile qualsiasi tasso di reinvestimento previsto specifico.

MIRR mira anche a generare una soluzione per sbarazzarsi del problema di più IRR.

IRR e MIRR vengono solitamente calcolati utilizzando Microsoft Excel.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *