Tori obbligazionari, problemi della Cina e guadagni degli Stati Uniti Reuters

[ad_1]

© Reuters. Il 21 giugno 2021, un uomo guarda una lavagna elettronica che mostra l’indice Nikkei fuori da una società di brokeraggio nel quartiere degli affari di Tokyo, in Giappone. REUTERS/Kim Kyung-Hoon/Files

(Reuters)-

1/Non ci sono prigionieri nell’area vincolata

I tori obbligazionari sono prevalenti e non vengono catturati. Il rendimento dei titoli del Tesoro USA a 10 anni è sceso all’1,3%, segnando martedì il secondo più grande calo di un giorno nel 2021. I rendimenti nel Regno Unito e in Germania sono ai livelli più bassi da mesi.

Sembra che la reinflazione non sia più dominante. Ciò non significa che gli investitori si prepareranno improvvisamente per un rallentamento economico. Il messaggio potrebbe essere più che la crescita economica ha raggiunto il picco e qualsiasi aumento dell’inflazione si rivelerà temporaneo.

Le preoccupazioni per le prospettive della Cina e l’ondata di varianti del coronavirus hanno aumentato la cautela e la Banca centrale europea ha appena aggiustato il suo obiettivo di inflazione, il che è un altro segno che rimarrà accomodante.

Molte persone scommettono su rendimenti elevati perché i rendimenti dell’inflazione sono costretti a tornare indietro per ridurre le perdite, un altro avvertimento per coloro che considerano un rally obbligazionario di quattro anni.

Grafico: variazioni settimanali del rendimento dei titoli di Stato a 10 anni-https://graphics.reuters.com/GLOBAL-MARKETS/bdwvkoyaxvm/chart.png

2/contraddizione cinese

Mentre il nuovo China Cyberspace Affairs Office di Pechino reprime ulteriormente i suoi pesi massimi, l’industria tecnologica cinese sta subendo un duro colpo.

L’ultimo obiettivo, il gigante dei viaggi Didi Global, ha perso un terzo del suo valore di mercato in una settimana da quando è stato quotato in borsa a New York. A causa dei cambiamenti complessivi nei dati e nelle regole di raccolta fondi, anche altri sono diminuiti drasticamente.

Gli investitori sono nervosi: la Cina apre o costringe le aziende a tornare a casa? Pechino sta riducendo i monopoli e controllando i dati o sta cercando di ridurre i rischi e aumentare gli standard?

Ci sono altri problemi. Sebbene i dati sul PIL per il secondo trimestre di giovedì possano confermare un leggero calo dello slancio dopo il raccolto eccezionale del primo trimestre, l’economia continuerà ad andare avanti. Ma l’annuncio inaspettato che Pechino potrebbe abbassare il coefficiente di riserva dei depositi bancari potrebbe non essere positivo per alcune persone.

La People’s Bank of China ha effettuato un tale taglio dei tassi di interesse venerdì, che rilascerà circa 1 trilione di yuan (154 miliardi di dollari USA) di liquidità a lungo termine per sostenere la ripresa economica dopo il COVID-19.

Immagine: la tecnologia cinese è sotto pressione-https://fingfx.thomsonreuters.com/gfx/mkt/yxmvjzywdvr/Pasted%20image%201625802904787.png

3/ Accedi azienda

Dopo il dolore causato dal coronavirus lo scorso anno, la stagione degli utili nel secondo trimestre potrebbe fissare un livello elevato per un rimbalzo degli utili aziendali statunitensi.

Secondo i dati di Refinitiv IBES, nel complesso, si stima che gli utili dell’azienda siano aumentati del 65,4% su base annua, che potrebbe essere l’aumento percentuale più grande dal quarto trimestre del 2009, quando l’azienda stava uscendo dalla crisi finanziaria.

Tuttavia, le aspettative di un rallentamento della crescita economica nella seconda metà del 2021 hanno recentemente determinato un rimbalzo dei titoli del Tesoro statunitensi, facendo scendere il rendimento a 10 anni di riferimento al livello più basso da febbraio.

Le banche si concentrano sulla performance di questa settimana, Goldman Sachs (NYSE:), JPMorgan Chase (NYSE:) e Bank of America (NYSE:) rilasceranno rapporti. Lo hanno riferito anche Delta Air Lines (NYSE:), UnitedHealth Group (NYSE:) e Kansas City Southern Airlines (NYSE:).

Grafico: le società statunitensi dovrebbero raggiungere il loro picco nel secondo trimestre-https://graphics.reuters.com/USA-STOCKS/EARNINGS/jbyprzbqype/chart.png

4/ Parla

Mercoledì e giovedì, il presidente della Federal Reserve Jerome Powell (Jerome Powell) ha tenuto un incontro biennale con il Congresso degli Stati Uniti, e questo incontro non potrebbe essere più tempestivo.

La sua opinione sul motivo per cui il mercato obbligazionario sembra abbandonare improvvisamente il trading di reinflazione è un problema che ogni investitore globale sta attualmente cercando di risolvere, quindi per favore ascolta.

Altrove, è improbabile che la Bank of Japan abbandoni la sua politica di ipersupporto quando si riunirà venerdì.

Anche se la Bank of Canada prevede di ridurre il suo piano di acquisto di obbligazioni mensili da 3 miliardi di dollari canadesi a 2 miliardi di dollari canadesi. Nei mercati emergenti, il focus di mercoledì sarà sulla Turchia, dove l’aumento dell’inflazione ha reso difficile per il governatore della banca centrale attuare i tagli dei tassi di interesse che il presidente Tayyip Erdogan lo ha incaricato di attuare.

Grafico: bilancio della banca centrale-https://fingfx.thomsonreuters.com/gfx/mkt/oakvedxgmpr/ECB%20lagarde.JPG

5/ Tecnologia Oil Edge

Il litigio pubblico tra l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti sull’OPEC+ ha messo in difficoltà il mercato petrolifero.

Riyadh e Abu Dhabi non sono d’accordo su una proposta di transazione che includerà la fornitura di più petrolio al mercato, il che potrebbe raffreddare l’aumento dei prezzi a un massimo di 2 anni e mezzo. La Russia sta cercando di mediare, ma non sono ancora stati programmati nuovi colloqui.

Se non viene raggiunto un accordo, l’impostazione predefinita è mantenere la produzione invariata, il che potrebbe far salire i prezzi. Ma altri hanno sottolineato che la mancanza di coesione all’interno del gruppo può indurre i membri ad aumentare la produzione e ignorare gli obiettivi di produzione, il che può abbassare i prezzi.

In ogni caso, una cosa è certa: ci sarà più volatilità in futuro.

Grafico: aumento del prezzo del petrolio in percentuale-https://fingfx.thomsonreuters.com/gfx/mkt/ygdvzzbdyvw/Oil%20price%20gains%20in%20percentage%20terms.PNG

(1$ = 6,4831 renminbi)



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *