Tui ha detto ai dipendenti di rimanere in ufficio solo un giorno al mese durante il turno di Covid

[ad_1]

Tui, la più grande compagnia di viaggi del Regno Unito, ha detto ai suoi dipendenti che devono rimanere in ufficio solo un giorno al mese: questo è l’ultimo segno di un cambiamento fondamentale nel modo in cui il lavoro è causato dalla pandemia.

La società ha dichiarato mercoledì che, passando a un modo di lavorare permanente e flessibile, fornirà ai dipendenti “completa flessibilità”. “Il lavoro è ciò che faremo, non dove stiamo andando”, ha detto Tui.

La prossima settimana, il governo britannico eliminerà il requisito che i lavoratori rimangano a casa il più possibile e lo sostituirà con la raccomandazione di tornare gradualmente al posto di lavoro.

Ma molte aziende hanno scoperto durante la pandemia che lavorare da casa o un accordo misto tra casa e ufficio è più adatto per dipendenti e operazioni, portando a cambiamenti permanenti nel modo in cui milioni di persone nel Regno Unito lavorano.

KPMG offre ai propri dipendenti un piano di lavoro misto “quattro giorni, due settimane”. Il Lloyds Banking Group sta sviluppando una strategia per includere il lavoro familiare, hub o misto come una nuova “categoria di stile di lavoro” tra cui i dipendenti possono scegliere.

Secondo il piano, Nationwide ha chiuso tre uffici a Swindon per consentire ai suoi dipendenti di scegliere tra casa, ufficio o filiale locale.

Accenture ha intervistato più di 1.400 dipendenti dei servizi finanziari britannici nei settori bancario, dei mercati dei capitali e delle assicurazioni e ha scoperto che due terzi preferirebbero lavorare solo due giorni alla settimana o meno in ufficio. Meno di uno su dieci accetterebbe di tornare in ufficio per cinque giorni alla settimana.

Tui ha più di 10.000 dipendenti, ma il nuovo approccio flessibile non si applica a determinati dipendenti, come piloti, membri dell’equipaggio, personale tecnico e di manutenzione o dipendenti nei negozi al dettaglio. La società sta valutando l’implementazione di piani simili nelle sue operazioni europee.

La mossa significa anche che la società rivedrà il suo portafoglio immobiliare, sebbene Tui abbia affermato che data la necessità di collaborazione e spazio per riunioni, non è previsto alcun cambiamento a breve termine.

Il gruppo con sede in Germania ha lottato durante la crisi del Covid-19 e per la maggior parte degli ultimi 18 mesi la maggior parte del mercato dei viaggi è stata effettivamente chiusa, subendo così perdite significative.

Dall’inizio della pandemia nel marzo dello scorso anno, la maggior parte dei dipendenti dell’ufficio di Tui nel Regno Unito ha lavorato da casa.

Andrew Flintham, amministratore delegato di Tui UK, ha dichiarato: “La pandemia ci ha permesso come organizzazione di fare un passo indietro e apportare le modifiche necessarie al modo in cui lavoriamo, comunichiamo e collaboriamo”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *