Tutti i membri del G20 partecipano all’accordo di tassazione

[ad_1]

© Reuters. Immagine del file: il ministro delle finanze tedesco Olaf Scholz del Partito socialdemocratico (SPD) partecipa a un dibattito televisivo il 26 giugno 2021 a Berlino, Germania. REUTERS/Christian Mang/Piscina

(Riarchivia per allegare all’avviso. Il testo non è cambiato)

VENEZIA (Reuters)-Il ministro delle finanze tedesco Olaf Schultz ha dichiarato sabato che il G20 ha compiuto progressi significativi nella riforma delle tasse sulle imprese e che ogni membro dei club delle grandi economie sostiene un accordo per impedire alle multinazionali di distribuire utili Passare a una tassazione ridotta porto.

“Oggi vediamo che tutti i paesi qui riuniti sosterranno questo processo internazionale per trovare un modo per ottenere la tassa più bassa”, ha detto Schultz ai giornalisti alla riunione dei ministri delle finanze del G20 a Venezia.

Alla domanda sul piano di tassazione digitale dell’UE, Scholz ha affermato che è necessaria una soluzione globale.

Dichiarazione di non responsabilità: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati facendo affidamento su dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *