Un documento segreto che descrive in dettaglio le operazioni della Royal Navy trovato alla stazione degli autobus del Kent

[ad_1]

Documenti riservati del Ministero della Difesa contenenti dettagli sulle operazioni della Royal Navy nella disputa con la Russia la scorsa settimana sono stati scoperti a una fermata dell’autobus nel Kent.

La scorsa settimana, un membro del pubblico ha scoperto un tesoro di quasi 50 pagine di documenti. Passali alla BBCIl Dipartimento della Difesa ha confermato che la perdita del file è stata segnalata da un dipendente in quel momento e il dipartimento ha ora avviato un’indagine sulla violazione della sicurezza.

Questa scoperta è avvenuta quando le operazioni militari britanniche erano sotto esame speciale.Mercoledì il cacciatorpediniere britannico HMS Defender ha attraversato acque contese al largo della costa della Crimea, innescando Forte opposizione da parte di Mosca.

La Russia ha inviato 20 aerei e due navi della Guardia Costiera per avvertire le navi britanniche di stare lontane dalle acque che ha rivendicato sin dall’annessione della Crimea sette anni fa. Il ministero della Difesa russo ha dichiarato di aver sparato colpi di avvertimento sul cacciatorpediniere britannico e di aver sganciato una bomba sul suo percorso, ma i britannici hanno negato questa affermazione.

Secondo la BBC, il documento elenca due potenziali rotte per HMS Defender dall’Ucraina alla Georgia. Un percorso è stato descritto come un “transito diretto e sicuro da Odessa a Batumi” e includeva un breve viaggio attraverso il “piano di isolamento del traffico” vicino alla punta sud-occidentale della Crimea.

Il documento affermava che questa rotta “fornirebbe opportunità di contatto con il governo ucraino… all’interno delle acque territoriali ucraine riconosciute dal Regno Unito”.

Questi documenti hanno quindi elencato una serie di potenziali risposte russe, che vanno da “sicuro e professionale” a “né sicuro né professionale”.

Altri documenti più sensibili ed etichettati come “Secretly Viewed by the UK Only” discutono i piani per una possibile presenza britannica in Afghanistan dopo il ritiro dell’operazione NATO guidata dagli Stati Uniti, che sarà completata a settembre.

Sebbene la BBC abbia dichiarato di aver impedito il rilascio di dettagli che potrebbero mettere in pericolo la sicurezza del Regno Unito e delle forze alleate, i documenti secondo come riferito risolvono la questione se ci saranno forze speciali britanniche rimaste in Afghanistan dopo il completamento del ritiro.

“Qualsiasi impronta britannica in Afghanistan persiste… è considerata vulnerabile a una sofisticata rete di partecipanti”, si legge nel documento, aggiungendo che “esiste ancora l’opzione di ritirarsi completamente”.

In risposta alla scoperta dei documenti, il ministero della Difesa nazionale ha dichiarato di “apprezzare molto” la sicurezza delle informazioni e ha avviato un’indagine. “Il dipendente in questione ha segnalato la perdita al momento. Ulteriori commenti sono inappropriati”, ha affermato.

Per quanto riguarda la divulgazione dei dettagli specifici di HMS Defender, il Ministero della Difesa ha dichiarato che “come il pubblico si aspetta, attentamente pianificato”.

“Come lavoro di routine, questo include l’analisi di tutti i potenziali fattori che influenzano le decisioni operative”, ha aggiunto.

Ma John Healy, il ministro ombra della difesa del partito laburista, ha affermato che la violazione è “imbarazzante e preoccupante per i ministri”.

“È fondamentale che l’indagine interna avviata dal Segretario di Stato determini immediatamente come i documenti altamente classificati siano stati prima prelevati dal Dipartimento della Difesa e poi lasciati in questo modo”, ha affermato Healy.

“In definitiva, i ministri devono essere in grado di confermare al pubblico che la sicurezza nazionale non è stata compromessa, che nessuna operazione militare o di sicurezza è stata colpita e che sono state stabilite procedure appropriate per garantire che cose simili non si ripetano”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *