Un gruppo sostenuto da Uber, Lyft spinge i lavoratori del concerto del Massachusetts a votare Reuters

[ad_1]

© Reuters. Foto del file: Il 13 maggio 2020, un cartello alla San Diego State University di San Diego, California, USA, segna il luogo d’incontro per gli utenti di Lyft e Uber. REUTERS/Mike Blake

Di Nate Raymond e Tina Belon

Boston (Reuters)-un’alleanza di aziende basate su app, tra cui Uber Technologies (NYSE:) Inc, ascensore Inc (NASDAQ:) e DoorDash Inc hanno fatto il primo passo mercoledì, proponendo una misura agli elettori del Massachusetts per definire i loro autisti come appaltatori indipendenti aventi diritto a benefici minimi, ma per evitare di farli dichiarare come dipendenti.

Se si vota l’anno prossimo, la proposta potrebbe rendere il Massachusetts il centro di una costosa lotta per i diritti legali dei lavoratori del concerto, dopo che una feroce battaglia in California si è conclusa lo scorso anno e gli elettori hanno consolidato il loro status di appaltatore.

La proposta fa parte degli sforzi dell’industria dei concerti per cambiare le leggi sul lavoro e incorporare lo status dei suoi lavoratori come appaltatori indipendenti negli Stati Uniti, e il potenziale normativo dell’amministrazione Biden è imminente.

Il Massachusetts Independent Workers Union (che include Uber, Lyft, DoorDash e Instacart Inc) ha presentato una proposta al procuratore generale dello stato, che deve dimostrare se la questione proposta soddisfa i requisiti costituzionali.

Il procuratore generale è Maura Healey, una democratica, che l’anno scorso ha fatto causa a Uber e Lyft per designare i suoi autisti come appaltatori che non hanno diritto a benefici come salario minimo, straordinari e congedo per malattia.

Se il suo ufficio conferma la questione, un passo che verrà fatto il mese prossimo, i sostenitori possono iniziare a raccogliere le decine di migliaia di firme necessarie per ottenere la questione nel voto del novembre 2022.

Il presidente di Lyft John Zimmer ha dichiarato martedì che le misure di voto proposte fanno “parte dei nostri sforzi in corso per sostenere ciò che la stragrande maggioranza dei conducenti desidera: opportunità di entrate flessibili e nuovi vantaggi forniti dalla nostra piattaforma”.

La proposta stabilirà un reddito minimo pari al 120% del salario minimo del Massachusetts per i conducenti di condivisione di corse e consegne basati su app, o $ 18 all’ora prima di lasciare la mancia nel 2023. Ai conducenti saranno garantiti almeno 0,26 dollari USA per miglio per coprire i costi di manutenzione del veicolo e benzina.

Se l’autista lavora almeno 15 ore a settimana, le società di carpooling e della rete di consegna saranno tenute a pagare le indennità mediche. I conducenti possono anche ottenere un congedo per malattia retribuito, un congedo retribuito per casa e un congedo per malattia.

Gli oppositori hanno affermato che la proposta è equivalente alla strategia di evasione fiscale di un’azienda e che esiste una scappatoia che crea un salario minimo per i conducenti.

“Questo è un modo di sfruttare e Uber, Lyft e la gig economy cercano di creare una sottoclasse lavorativa”, ha detto martedì l’autista Uber e presidente della Boston Independent Drivers Association Beth Griffith prima di presentare il documento.

La proposta del Massachusetts ha seguito misure simili adottate in California l’anno scorso: le due società hanno convinto gli elettori statali a consolidare lo status di lavoratori che effettuano il trasporto online e le consegne di cibo come appaltatori indipendenti e traggono alcuni benefici.

Uber, DoorDash, Lyft, Instacart e Postmates hanno investito congiuntamente più di 205 milioni di dollari per fare pressione sugli elettori della California affinché approvino la misura chiamata Proposition 22.

Negli ultimi mesi, queste aziende hanno istituito gruppi di pressione in almeno altri cinque stati per promuovere la legislazione e dichiarare appaltatori indipendenti per i conducenti di corse e consegne di pasti basati su app. In alcuni stati, le aziende vogliono il sostegno dei gruppi di lavoro.

Queste aziende affrontano anche la prospettiva di un cambiamento a livello federale. Marty Walsh, l’ex sindaco di Boston, ex leader sindacale e segretario del lavoro, ha recentemente affermato che “in molti casi, i lavoratori del concerto dovrebbero essere classificati come dipendenti”.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *