Vonovia propone il nuovo Deutsche Wohnen al prezzo di 53 euro/ora Reuters

[ad_1]

2/2

© Reuters. Foto del file: L’edificio per uffici del gruppo immobiliare tedesco Deutsche Wohnen, scattato a Berlino, Germania, 2 giugno 2020. REUTERS/Fabrizio Bensch//File Photo

2/2

Autori: Arno Schuetze e Matthias Inverardi

FRANCOFORTE (Reuters)- La società immobiliare tedesca Vonovia ha dichiarato domenica che sta lanciando un nuovo tentativo di acquisire la concorrente Deutsche Wohnen (OTC:) per 19,1 miliardi di euro (22,7 miliardi di dollari).

Vonovia prevede di presentare una nuova offerta al prezzo di 53 euro per azione di Deutsche Wohnen, previa approvazione del regolatore finanziario tedesco BaFin. Il mese scorso Vonovia ha sfiorato la soglia del 50% con un prezzo concordato di 52 euro per azione.

La più grande fusione del Paese quest’anno creerà un colosso immobiliare europeo con 550.000 appartamenti, con un valore contabile totale di oltre 80 miliardi di euro. Deutsche Wohnen è diventata il fulcro della rabbia tra i berlinesi per i diritti degli inquilini e gli alloggi a prezzi accessibili.

Dopo l’offerta fallita del mese scorso, Vonovia ha acquisito poco meno del 30% delle azioni dei suoi concorrenti, alcune delle quali tramite l’acquisto di azioni proprie al prezzo di 52 euro per azione. Ora richiede un’esenzione Bafin, che è vista come un modulo, per presentare immediatamente una nuova offerta invece di aspettare un anno prima di presentare una nuova offerta.

Vonovia ha mantenuto invariati i termini chiave della transazione, inclusa una soglia minima di accettazione del 50%.

Ma secondo la nuova offerta, Vonovia non raggiungerà un accordo di dominio con Deutsche Wohnen entro tre anni, il che dà agli hedge fund l’incentivo a fare un’offerta per le loro azioni rapidamente.

L’amministratore delegato di Vonovia, Rolf Buch, ha dichiarato a Reuters: “Con questo, abbiamo eliminato il fattore speculativo”, aggiungendo che Vonovia ha introdotto una clausola aggiuntiva che stabilisce che gli azionisti possono apportare modifiche se fanno un’offerta rapidamente.

L’offerta annunciata a maggio è fallita perché alcuni azionisti si sono rifiutati di fare un’offerta per le loro azioni, ritenendo che avesse sottovalutato il valore di Deutsche Wohnen.

Inoltre, alcuni hedge fund non fanno offerte o fanno offerte solo per una piccola quantità delle loro partecipazioni per ottenere più azioni in una fase successiva.

Secondo la legge tedesca, una volta superata la soglia del 75% del patrimonio netto, qualsiasi acquirente può raggiungere un cosiddetto accordo di posizione dominante, potendo così controllare il flusso di cassa della società target. Tuttavia, in questo caso, l’acquirente deve fornire un risarcimento per il rifiuto che di solito è superiore all’offerta originale.

“Abbiamo rimosso l’elemento speculativo dalla struttura della transazione”, ha detto Bucher, riferendosi a nessun piano per un tale accordo di governance in tre anni.

Il primo tentativo di Vonovia di acquisire Deutsche Wohnen nel 2016 è fallito a causa della resistenza della società target, ma questa volta il CEO di Deutsche Wohnen ha sostenuto l’accordo e Deutsche Wohnen ha ribadito domenica che è ancora così.

Il piano di fusione di due dei più grandi proprietari terrieri quotati in Germania ha causato polemiche in Germania, poiché gli affitti sono aumentati vertiginosamente prima delle elezioni generali di settembre che hanno causato tensioni. I dirigenti hanno promesso che la società combinata lavorerà con i politici per fornire alloggi a prezzi accessibili.

Bucher ha dichiarato: “Manteniamo il nostro impegno come partner politico affidabile e utilizziamo la nostra forza globale per affrontare le sfide del mercato immobiliare”.

(1 USD = 0,8428 Euro)

Disclaimer: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidamento a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *