Wall Street esorta GM e Ford a continuare a spendere soldi nella “corsa agli armamenti” di Tesla

[ad_1]

Aggiornamento auto elettrica

Gli investitori stanno esortando General Motors e Ford a pianificare di spendere decine di miliardi di dollari in veicoli elettrici, anche se le case automobilistiche traggono vantaggio dalla crescita dei ricavi delle auto e dei camion con motore tradizionale.

L’EBIT rettificato di GM nel secondo trimestre ha raggiunto un record di 4,1 miliardi di dollari e le scorte basse hanno fatto salire i prezzi dei camion e dei veicoli sportivi popolari e più redditizi. L’amministratore delegato Mary Barra ha affermato che a causa della forte domanda dei clienti, le scorte basse potrebbero continuare fino all’inizio del prossimo anno.

Ford ha riferito la scorsa settimana che a causa dell’aumento della domanda di camion e SUV, il profitto ha raggiunto $ 561 milioni nel secondo trimestre, cosa che ha sorpreso gli investitori.

Quando passeranno alla produzione di auto elettriche, queste aziende avranno bisogno di tutti i profitti che possono realizzare per raggiungere i loro nuovi obiettivi di costruire fabbriche e assumere più software e ingegneri elettrici. A giugno, GM è aumentato di nuovo Spesa pianificata Entro il 2025, i veicoli elettrici e le auto a guida autonoma raggiungeranno i 35 miliardi di dollari USA, mentre Ford Impegno di 30 miliardi di dollari USA Nello stesso periodo.

Sebbene questi investimenti siano più piccoli di quanto sembri, alcuni di essi sono solo riassegnati dai budget annuali delle case automobilistiche per la produzione di auto tradizionali, rappresentano comunque nuovi fondi considerevoli. Tuttavia, gli analisti non sono preoccupati per l’impatto di ciò sui guadagni futuri, ma hanno espresso che gli investitori sono desiderosi di vedere una spesa maggiore e più rapida.

Dan Ives, analista di Wedbush Securities, ha dichiarato: “Wall Street vuole vedere una visione accelerata dei veicoli elettrici, che consiste nell’investire di più nei prossimi due, tre e quattro anni invece di aspettare fino alla fine del decennio”. È una corsa agli armamenti ora… Le persone temono che se non saranno abbastanza aggressive nei prossimi anni, verranno lasciate indietro da aziende come Tesla”.

L’analista di Morningstar David Whiston ha sottolineato che questo entusiasmo è nuovo. Alcuni anni fa, se le case automobilistiche accettassero le auto elettriche che rappresentano solo il 2% del mercato statunitense, gli investitori penalizzerebbero i loro corsi azionari.

Ora, General Motors e Ford Motor “stanno entrambe investendo nel futuro, superando anche le difficoltà. [internal combustion engine] Finché possono”, ha detto Whiston. Questo è il loro vantaggio rispetto a Tesla: sebbene nessuna società di Detroit possa affermare di avere un CEO famoso o una base di investitori al dettaglio per guidare la sua valutazione alle stelle, Tesla ha recentemente iniziato a fare soldi. General Motors e Ford Motors trae profitto dalle auto tradizionali, che possono essere utilizzate per sviluppare auto alimentate a batteria.

Circa un terzo dei 35 miliardi di dollari di GM viene utilizzato per l’ingegneria e due terzi per le spese in conto capitale. L’azienda sta espandendo la capacità di assemblaggio delle sue tre fabbriche in Michigan, Tennessee e Ontario, Canada, e altre fabbriche saranno annunciate in seguito. I veicoli elettrici sono realizzati con strumenti diversi dai veicoli tradizionali e devono essere acquistati e installati.

Ford sta anche espandendo la capacità produttiva, spendendo 700 milioni di dollari per attrezzare il suo complesso di River Rouge nel Michigan.

La General Motors sta costruendo quattro fabbriche di batterie negli Stati Uniti e le fabbriche sono già in costruzione Lordstown, Ohio E Spring Hill, Tennessee. Le fabbriche di batterie sono più costose delle fabbriche di assemblaggio. Richiedono molta elettricità per funzionare perché devono essere caricati e scaricati per “curarli” prima di metterli in auto e camion.

Barra ha detto martedì che il governo degli Stati Uniti dovrebbe utilizzare crediti d’imposta per incoraggiare le aziende a produrre veicoli elettrici e le loro parti negli Stati Uniti. Ha chiesto l’estensione del credito d’imposta sui veicoli elettrici agli acquirenti di auto usate e che i contribuenti finanzino la costruzione di nuove stazioni di ricarica in grado di caricare le batterie in 20 minuti anziché in ore. Attualmente, per le stazioni di ricarica vengono utilizzati 7,5 miliardi di dollari nell’U.S. Infrastructure Act.

“Vogliamo vedere investimenti in infrastrutture comprese stazioni di ricarica rapida, soprattutto nelle aree urbane e lungo i corridoi autostradali, perché questo darà ai clienti la fiducia nell’acquisto di veicoli elettrici”, ha affermato.

L’analista di Gartner Michael Ramsey ha affermato che anche General Motors e Ford devono spendere soldi per cambiare la loro forza lavoro. Hanno ancora bisogno di ingegneri meccanici, ma in numero inferiore, mentre gli ingegneri software ed elettrici lo fanno.

Ramsey ha affermato che queste società “indubbiamente hanno contato due volte” alcuni dei dollari nei loro investimenti in veicoli elettrici, comprese le spese in conto capitale e i dollari di ricerca che sono stati inclusi nelle spese totali dell’azienda.

Nel 2019, la spesa totale di GM è stata di $ 132 miliardi, ma durante il periodo di sei anni coperto dal suo impegno di spesa di $ 35 miliardi, queste spese non saliranno automaticamente a $ 138 miliardi all’anno. Invece, una parte dei fondi stanziati per i veicoli a benzina sarà utilizzata per i veicoli elettrici.

Ramsey ha affermato che questi investimenti “sono enormi e potrebbero spendere di più”, ma “queste società non saranno gravate da 30 miliardi di dollari di debiti da investire in veicoli elettrici. Prenderanno i loro fondi esistenti e li ridistribuiranno un po’”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *