Wall Street scommette che i tori azionario correranno ulteriormente dopo essere saliti nel 2021

[ad_1]

Aggiornamento sui profitti aziendali

La forte ripresa dei profitti aziendali ha acceso l’ottimismo a Wall Street sul fatto che il mercato azionario statunitense continuerà il mercato rialzista, anche se gli investitori si chiedono se le aziende possano superare le soglie elevate per la crescita dei profitti e i margini di profitto.

L’ultimo rapporto trimestrale mostra che da quando FactSet ha iniziato a monitorare questi indicatori nel 2008, gli utili, i ricavi ei margini di profitto delle aziende statunitensi sono cresciuti al tasso più elevato.

Questa performance ha contribuito a spingere il mercato azionario statunitense a nuovi massimi e l’indice S&P 500 è aumentato di oltre il 18% finora quest’anno. L’indice è raddoppiato rispetto al minimo di marzo 2020, quando il blocco della pandemia ha fatto precipitare i mercati finanziari globali nel caos.

Russ Koesterich, gestore di portafoglio del Global Allocation Fund di BlackRock, ha dichiarato: “La crescita economica sta procedendo al miglior ritmo che abbiamo visto da decenni e questo è un enorme vantaggio per la redditività”.

A causa dell’adeguamento al rialzo della crescita degli utili, gli analisti di Goldman Sachs e Credit Suisse hanno recentemente aumentato le loro previsioni a 12 mesi per l’indice Standard & Poor’s 500. I dati di FactSet mostrano che gli analisti di Wall Street hanno fissato il prezzo obiettivo dell’indice Standard & Poor’s 500 a 4.949 punti in 12 mesi, che dovrebbe aumentare dell’11%.

“Siamo sempre stati ottimisti su [on] Aumentare le disponibilità di azioni globali per un periodo di tempo. ..[but]Siamo sorpresi dalla forte performance degli utili, quindi dobbiamo tenerne conto”, ha affermato Sharon Bell, stratega azionario di Goldman Sachs.

Per gli investitori, questa storia sembra più impegnativa perché il mercato azionario ha già riflesso molto ottimismo e le valutazioni complessive sono ancora ai massimi storici.

“Per Standard & Poor’s, questo è un trimestre davvero spettacolare. La domanda è dove andrai?”, ha affermato David Kelly, chief global strategist di JP Morgan Asset Management. “Sarà difficile per le aziende mantenere alti i livelli dell’acqua e, rispetto ad altre parti del mondo, la valutazione degli Stati Uniti sembrerà ancora costosa”.

All’inizio di quest’anno, il prezzo di negoziazione dell’indice S&P 500 era 22,7 volte il profitto previsto per i prossimi 12 mesi. Poiché la crescita degli utili ha superato i guadagni del mercato, questo indicatore è rallentato a 21,1 volte, ma è ancora superiore alla media di 18,1 volte negli ultimi cinque anni.

“I multipli di quest’anno sono generalmente piatti e il mercato si sta muovendo al rialzo a causa della forte crescita degli utili”, ha affermato Koesterich.

Tim Murray, stratega del mercato dei capitali presso il team multi-asset di T Rowe Price, ha affermato che il ritmo della crescita degli utili previsti deve essere bilanciato con l’aumento delle valutazioni delle azioni statunitensi. “Ciò significa che quando gli utili superano le aspettative, ci sono meno rialzi e risultati deludenti in futuro porteranno più ribasso”.

Sebbene la valutazione complessiva del mercato non sia “economica”, Koesterich ha affermato che molte grandi aziende che generano flussi di cassa sono registrate negli Stati Uniti e manterranno “una sana crescita dei ricavi” poiché l’economia cresce più velocemente del trend, oltre il 2% . . Entrando nel prossimo anno, i tassi di interesse rimangono bassi.

Stagione dei guadagni “storica”

Dopo che la crisi del coronavirus ha gravemente depresso i profitti nello stesso periodo dello scorso anno, i profitti delle aziende statunitensi sono aumentati nel secondo trimestre del 2021.

I dati di FactSet mostrano che, tenendo conto dei risultati del rapporto e della stima del 10% delle società che non hanno divulgato i dati, i profitti delle società quotate sull’indice S&P 500 delle blue chip statunitensi sono balzati di circa il 90%. Allo stesso tempo, le vendite sono aumentate di circa un quarto.

Questi numeri sono di gran lunga migliori delle previsioni di Wall Street prima dell’inizio della stagione degli utili. Alla fine di marzo, gli analisti si aspettavano una crescita degli utili del 53% e una crescita dei ricavi del 16%.

Kasper Elmgreen, head of stock di Amundi, ha dichiarato: “In termini di risultati, la stagione degli utili ha un significato storico”.

Gli investitori stanno anche prestando attenzione ai margini di profitto delle società che compongono l’indice S&P 500. Questo indicatore è salito a un record del 13% nel secondo trimestre, dal 12,8% del trimestre precedente.Questo è il risultato da quando FactSet ha iniziato a monitorare l’indicatore in 2008. Il livello più alto.

Koesterich ha affermato che nel secondo trimestre “i margini sono rimasti invariati”, ha avvertito che le pressioni sui margini nei prossimi trimestri – le aziende non possono trasferire l’aumento dei costi di input come i salari – saranno un test delle azioni e delle valutazioni elevate. .

“L’inflazione dei salari non avviene dall’oggi al domani”, ha detto Kelly. Gli sforzi della Fed per ridurre la disoccupazione “innescherà salari più alti e metterà sotto pressione i profitti aziendali”.

Un altro svantaggio per i profitti aziendali americani è che le società sotto l’amministrazione Biden possono pagare tasse più elevate.

I guadagni “potrebbero aver raggiunto il picco… Man mano che il mercato inizia a valutare queste tasse più elevate, le vedremo rallentare nei prossimi mesi”, ha affermato Lale Akoner, senior market strategist presso New York Mellon Investment Management. “Mi aspetto che tra ottobre e dicembre il mercato inizi a valutarlo”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *