Wall Street stringe e aspetta la Fed, mentre i prezzi del petrolio salgono Reuters

[ad_1]

2/2

© Reuters. Foto del file: il 15 febbraio 2021, in una società di brokeraggio a Tokyo, in Giappone, una donna con in mano un ombrello si è avvicinata a una lavagna elettronica che mostrava l’indice Nikkei. REUTERS/Kim Kyung-Hoon

2/2

Pete Schroeder

Washington (Reuters)-Mentre il mercato è in attesa di nuove indicazioni dalla Federal Reserve mercoledì, gli investitori hanno ridimensionato ed evitato importanti rischi in più mercati martedì.

Martedì Wall Street ha fatto un passo indietro e tutti e tre i principali indici azionari sono scesi dopo che i due hanno raggiunto i massimi storici lunedì. I Treasury statunitensi sono rimasti stabili come il dollaro USA, con poca attività prima della dichiarazione politica della Fed.

Man mano che le persone vaccinate iniziano a viaggiare più liberamente, il continuo allentamento delle restrizioni sulla pandemia aiuterà a far salire i prezzi del petrolio a causa della crescente domanda.

Martedì mattina, dopo la pubblicazione di una serie di dati economici deludenti, gli investitori non sembravano disposti ad assumersi nuovi importanti rischi. Alcune persone hanno scoperto che con l’allentamento delle restrizioni sulla pandemia, i consumatori hanno spostato le loro spese nel settore dei servizi e le vendite al dettaglio a maggio si sono ridotte più del previsto. Il secondo ha visto i produttori segnalare aumenti dei prezzi mentre cercavano di stare al passo con l’aumento della domanda, esacerbando i timori di inflazione.

“I vincoli all’offerta e l’aumento della domanda sembrano esercitare una forte pressione sulle aziende. Pertanto, sebbene il PPI indichi che l’inflazione sta salendo, ricorda che le circostanze uniche associate alla nostra ripresa economica stanno mettendo sotto pressione questi numeri”, ha affermato il management Mike Loewengart . E*Trade Financial (NASDAQ:) Direttore della strategia di investimento. “Dal massimo record di ieri, oggi il mercato è in una modalità di mantenimento e domani la Fed prenderà una decisione”.

Prima della dichiarazione di mercoledì, queste letture erano particolarmente importanti. La Fed non dovrebbe annunciare alcun piano per allentare il suo piano di acquisto di obbligazioni fino ad agosto, ma gli investitori sono alla ricerca di segnali che la Fed abbia iniziato a discutere il ritiro delle obbligazioni. I funzionari della Fed hanno dichiarato di ritenere che l’attuale aumento dei prezzi sia un aumento temporaneo durante la ripresa economica.

In un sondaggio Reuters, quasi il 60% degli economisti prevede che, nonostante una sporadica ripresa del mercato del lavoro, nel prossimo trimestre saranno annunciate riduzioni di scala.

L’indice MSCI World Equity, che replica le azioni di 45 paesi, è sceso di 0,85 punti, pari allo 0,12%.

È diminuito di 94,42 punti o 0,27%, di 8,56 punti o 0,20% e di 101,29 punti o 0,71%.

Salto di petrolio

A causa del previsto aumento della domanda, martedì i prezzi del petrolio hanno raggiunto il livello più alto dal 2019.

È aumentato di 1,30 dollari USA, pari all’1,78%, a 74,16 dollari USA al barile. Nelle ultime contrattazioni, è salito di 1,41 dollari USA, o 1,99%, a 72,29 dollari USA al barile.

Nel mercato valutario, il dollaro USA si è indebolito rispetto ad altre valute. Il dollaro USA, che misura il dollaro USA contro un paniere di sei valute, è aumentato dello 0,02% a 90,511. All’inizio della giornata, è salito a 90,677, il livello più alto dal 14 maggio.

Il prezzo è sceso di $ 7,7966, o 0,42%, a $ 1.858,20 per oncia, mentre il prezzo negli Stati Uniti è sceso dello 0,31% a $ 1.860,30 per oncia. [GOL/]

Il rendimento dei titoli di riferimento a 10 anni è stato dell’1,499%, leggermente inferiore a quello di lunedì, quando sono rimbalzati dal minimo di tre mesi di venerdì.

(Segnalazione di Pete Schroeder a Washington; montaggio di Kim Coghill, Alex Richardson, Barbara Lewis, Peter Graff e Sonya Hepinstall)



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *