WhatsApp ha attaccato la “sorveglianza” per la sicurezza dei bambini di Apple nonostante gli elogi del governo

[ad_1]

WhatsApp ha condannato il nuovo strumento di sicurezza dei bambini di Apple come un “sistema di sorveglianza…molto preoccupante”, anche se i governi di tutto il mondo hanno applaudito la decisione di cercare attivamente foto illegali di abusi sessuali su minori.

Lo stallo ha innescato una battaglia tra altre piattaforme tecnologiche e funzionari, invitandoli a utilizzare strumenti simili.

Un funzionario del governo indiano ha dichiarato venerdì al Financial Times che “accoglie con favore” la nuova tecnologia di Apple e stabilisce un punto di riferimento per “altre aziende tecnologiche”, mentre un funzionario dell’UE ha affermato che il gruppo tecnologico ha progettato “una soluzione abbastanza elegante”.

Il senatore degli Stati Uniti Richard Blumenthal Chiamata Il nuovo sistema di Apple ha compiuto un “passo innovativo e audace”.

“È tempo che gli altri, in particolare Facebook, seguano il loro esempio”, Tweet Il ministro della Sanità britannico ed ex ministro degli Interni Sajid Javid (Sajid Javid).

Tuttavia, si dice che i concorrenti di Apple nella Silicon Valley abbiano “incandescente” il sistema che scansiona le foto degli iPhone degli utenti statunitensi prima di caricarle su iCloud e iCloud verrà lanciato come parte della prossima versione di iOS.

Will Cathcart, capo di WhatsApp, ha dichiarato: “Questo metodo ha portato qualcosa di molto preoccupante nel mondo.” “Si tratta di un sistema di sorveglianza costruito e gestito da Apple che può essere facilmente utilizzato per scansionare contenuti privati ​​per trovarli. O qualsiasi cosa il governo decide di controllare. È inquietante vederli agire senza il coinvolgimento di esperti”.

“Non lo adotteremo su WhatsApp”, ha aggiunto.

La risposta entusiasta dei legislatori non farà che esacerbare le preoccupazioni sollevate dalla comunità della sicurezza e della privacy secondo cui Apple ha creato un pericoloso precedente che potrebbe essere sfruttato da regimi autoritari o forze dell’ordine troppo zelanti.

Le applicazioni tra cui WhatsApp, Telegram e Signal di Facebook e Google, che possiede il sistema operativo Android, sono state tutte invitate a copiare il modello di Apple.

“Dire che siamo delusi dal piano di Apple è un eufemismo”, hanno detto in un post sul blog India McKinney ed Erica Portnoy della Electronic Frontier Foundation del Digital Rights Group. “Il compromesso di Apple nella crittografia end-to-end può placare le agenzie governative negli Stati Uniti e all’estero, ma per gli utenti che si affidano alla leadership dell’azienda in materia di privacy e sicurezza, questo è un cambiamento scioccante”.

Negli ultimi mesi, c’è stata una crescente pressione politica sulle aziende tecnologiche di tutto il mondo, richiedendo ai governi di accedere a contenuti crittografati, inclusi messaggi, foto e video.

Il primo ministro indiano Narendra Modi (Narendra Modi) ha recentemente approvato una legge per costringere le piattaforme tecnologiche come WhatsApp a tracciare la fonte dei messaggi illegali, violando di fatto la crittografia end-to-end. WhatsApp è attualmente in causa con il governo nel tentativo di ostacolare i nuovi regolamenti.

Lo scorso ottobre, in a Apri la busta Firmati dai paesi “Five Eyes” più Giappone e India, funzionari tra cui il ministro degli Interni britannico Pritty Patel e l’ex procuratore generale degli Stati Uniti William Barr hanno dichiarato di “esortare l’industria ad affrontare le nostre serie preoccupazioni, ovvero a escludere completamente qualsiasi contenuto legalmente accessibile “.

Hanno sottolineato che l’abuso di minori è uno dei motivi per cui credono che le aziende tecnologiche dovrebbero sviluppare metodi alternativi per consentire alle autorità di accedere ai contenuti dei dispositivi e che “c’è un consenso crescente tra il governo e le agenzie internazionali sulla necessità di agire”.

I critici hanno messo in dubbio la promessa di Apple di limitarsi alla scansione di immagini di abusi sui minori. Sarah Jamie Lewis, ricercatrice canadese di crittografia e direttrice esecutiva, ha dichiarato: “Odio le frane, ma guardo i pendii. I governi di tutto il mondo lo stanno coprendo di petrolio e Apple sta solo spingendo i suoi clienti al limite”.

Sebbene non ci sia una legislazione statunitense per costringere Apple a cercare questo materiale, la sua mossa arriva in un momento in cui il Regno Unito e l’Unione Europea stanno preparando una nuova legislazione – l’Online Security Act e il Digital Services Act – che darà alle aziende tecnologiche maggiori responsabilità Limitare la diffusione della pornografia infantile e di altre forme di contenuto dannoso.

La decisione di Apple di far avanzare il proprio sistema indipendente invece di partecipare a negoziati intersettoriali con i regolatori di tutto il mondo ha fatto arrabbiare i suoi vicini della Silicon Valley, specialmente nei loro Unitevi e sostenete Nel 2016, ha lanciato una battaglia legale con l’FBI per aver intervistato l’iPhone di un sospetto terrorista.

Matthew Green, professore di sicurezza presso la Johns Hopkins University, ha dichiarato: “Alcune delle reazioni che ho sentito dagli altri concorrenti di Apple sono che si tratta di lampade a incandescenza”. Discussione video online Giovedì con i ricercatori della Stanford University.

L’ex capo della sicurezza di Facebook e attuale direttore dell’Osservatorio Internet di Stanford, Alex Stamos, ha dichiarato nella stessa discussione che ad Apple “non importa che tutti stiano cercando di raggiungere questo delicato equilibrio internazionale”. “Ovviamente, WhatsApp dovrà affrontare una pressione diretta”, ha detto.

Giovedì, un dirigente di Apple ha ammesso in una nota interna che le sue azioni hanno causato un putiferio. “Abbiamo visto molte risposte positive oggi”, ha scritto Sebastien Marineau in una nota ottenuta sul blog di Apple 9to5Mac“Sappiamo che alcune persone hanno incomprensioni e molte persone sono preoccupate per il suo impatto, ma continueremo a spiegare e dettagliare queste caratteristiche in modo che le persone possano capire cosa stiamo costruendo”.

Facebook e Google devono ancora commentare pubblicamente la dichiarazione di Apple.

Apple è stata precedentemente criticata in alcuni ambienti per non aver adottato ulteriori misure per prevenire la diffusione di materiali abusivi, in particolare su iMessage. Poiché l’app di messaggistica dell’iPhone è crittografata end-to-end, l’azienda non può vedere foto o video scambiati tra gli utenti.

Le informazioni scambiate tra due ingegneri Apple senior indicano che alcune persone all’interno dell’azienda credono che possa fare di più e queste informazioni sono la prova della recente controversia legale del produttore di iPhone con Epic Games.

Negli scambi all’inizio dello scorso anno, questo è il primo esposto Attraverso il Progetto Trasparenza Tecnica, Eric FriedmanIl capo dell’algoritmo di ingegneria delle frodi di Apple e del dipartimento rischi ha affermato che rispetto a Facebook, “siamo la migliore piattaforma per la distribuzione di materiale pedopornografico”.

Friedman ha aggiunto: “Abbiamo scelto di non sapere in abbastanza posti da non poter davvero dire” quanto materiale pedopornografico potrebbe esistere.

Segnalazioni aggiuntive di Stephanie Findlay a Delhi, Valentina Pop a Bruxelles e Hannah Murphy a San Francisco



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *