Xi Jinping mira a gravi disuguaglianze nell'”età dell’oro” cinese

[ad_1]

Aggiornamento sui social in Cina

Il nuovo stile di egualitarismo che sta dilagando in Cina non funzionerà mai Kweichow Moutai, Il produttore di alcolici. Il problema non è solo che i banchetti di lavoro ubriachi sono stati ufficialmente etichettati come “disgustosi”, o che c’è stato un caso di corruzione che ha coinvolto un funzionario che ha corrotto 4.000 bottiglie di vino.

Un problema più profondo è che l’azienda si è trovata dalla parte sbagliata dell’ultima grande impresa sociale cinese. Ci sono voluti quattro anni per creare una delle società più diseguali del pianeta, e ora Pechino è attratta dallo slogan della “prosperità comune”, o, in altre parole, ridistribuire il bottino a centinaia di milioni di poveri.

Il Moutai, bevuto in un bicchierino, costa migliaia di dollari a bottiglia, ed è sempre stato un simbolo piccante dell'”età dell’oro” cinese. Il brindisi aiuta a consolidare la confortevole relazione simbiotica tra commercianti d’élite e funzionari governativi, creando una ricchezza incredibile per poche persone affascinanti.

Pertanto, il recente brusco capovolgimento del destino di Kweichow Moutai potrebbe annunciare la portata del progetto di ingegneria sociale nelle menti del presidente Xi Jinping. Il valore di mercato dell’azienda di bevande più apprezzata al mondo si è ridotto di 207 miliardi di dollari dal suo picco all’inizio di febbraio, più del valore di mercato combinato di Suntory in Giappone e Heineken nei Paesi Bassi.

“Il modo in cui il Partito comunista cinese vede la sua legittimità è cambiato drasticamente”, ha detto Yu Jie, ricercatore presso il Chatham Institute, un think tank di Londra. “Xi Jinping sta affrontando il dolore che la gente comune deve affrontare a causa della distribuzione irregolare del reddito e dell’impossibilità di un accesso paritario al benessere sociale di base e ad alcuni servizi”.

Un comitato guidato da Xi Chiama per questa settimana. Ha affermato che la Cina “regolerà i redditi eccessivamente alti e incoraggerà i gruppi e le imprese ad alto reddito a restituire di più alla società”. Per molto tempo, il partito ha permesso ad alcune persone e regioni di “arricchirsi prima di tutto”, ora mette al primo posto la “prosperità comune”.

Yu ha detto che la chiave sta nel contratto sociale tra il PCC e il popolo cinese. “Se il partito difende l’attuale status quo, che è chiaramente ingiusto nella distribuzione della ricchezza e delle opportunità, la fiducia della gente comune crollerà”.

Ma il compito prima di Pechino è enorme. L’anno scorso, il numero di miliardari cinesi ha raggiunto 1.058, superando i 696 negli Stati Uniti. Elenco ricco globale di HurunTuttavia, circa 600 milioni di cinesi vivono con un reddito mensile di circa 1.000 yuan (154 dollari).

Informazioni dettagliate su come e con quale velocità la Cina intende risolvere tali problemi di disuguaglianza sono approssimative o inesistenti. Ma è chiaro che alcuni degli imprenditori privati ​​più ricchi della Cina puntano tutti.Decine di miliardi di dollari sono stati spazzati via dalla ricchezza del magnate, come ad esempio Ma YunIl fondatore di Alibaba Ma Huateng e il fondatore di Tencent Ma Huateng, perché i nuovi regolamenti hanno depresso il prezzo delle azioni della loro azienda.

La reazione di alcuni imprenditori avveduti è di restare indietro rispetto all’agenda di Pechino. Wang Xing, il fondatore del gruppo di consegna di cibo Meituan, ha donato 2,3 miliardi di dollari a un fondo di beneficenza che sostiene l’istruzione e la scienza. Tencent annuncia la costituzione di un fondo da 7,7 miliardi di dollari Impegnata nella “prosperità condivisa”, la definisce come aumento del reddito dei gruppi a basso reddito, copertura sanitaria, sviluppo economico rurale e istruzione per gli studenti svantaggiati. “In qualità di azienda tecnologica cinese benedetta dalla riforma e dall’apertura della Cina, Tencent ha pensato a come utilizzare la propria tecnologia e il potere digitale per aiutare lo sviluppo della società”, ha affermato la società.

Altre potenziali misure per ridurre il divario tra ricchi e poveri in Cina potrebbero includere importanti modifiche alla legge fiscale.Il trattamento fiscale allentato per le società tecnologiche può essere completamente o parzialmente rimosso, costringendole ad essere più vicine a L’aliquota dell’imposta nazionale sulle società è del 25%, L’analista ha detto. Un’altra misura in esame è la riscossione dell’imposta sulle vendite immobiliari.

Ma non importa quali misure specifiche vengano prese, la direzione politica generale è ferma. Ciò è dovuto al modo speciale in cui il partito emana e formula le sue regole.

Al 19° Congresso Nazionale del Partito Comunista Cinese nel 2017, Xi Annuncia il cambiamento Nella “contraddizione principale” del partito, la filosofia che guida tutti i suoi sforzi. Il concetto precedente formulato nel 1981 enfatizzava l’accelerazione della crescita economica. Dal 2017, il partito si è concentrato sulla riduzione della disuguaglianza che minaccia la sua legittimità e sul miglioramento della qualità della vita delle persone.

Gli analisti cinesi affermano che Xi Jinping ha impiegato quattro anni per supportare pienamente la nuova direzione politica, ma ora sembra determinato. Al 20° Congresso del Partito che si terrà l’anno prossimo, dovrà mostrare i progressi che ha fatto nel raggiungere i suoi nuovi obiettivi.

Tuttavia, Yuen Yuen Ang, professore associato presso l’Università del Michigan, ha affermato che nel complesso, il modo più chiaro per capire cosa sta succedendo in Cina è confrontarlo con la storia degli Stati Uniti nel XIX secolo.

L’età dell’oro degli Stati Uniti dal 1870 al 1900 circa fu un periodo di rapida crescita e grave disuguaglianza, poiché milioni di immigrati impoveriti arrivarono negli Stati Uniti e la ricchezza fu concentrata nelle mani di potenti industriali.Quel periodo ha lasciato il posto a Età progressiva, Un’era di ampie riforme sociali e politiche. “Xi Jinping sta cercando di evocare l’era progressista della Cina”, ha detto Ang.

james.kynge@ft.com

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *