Yellen afferma che gli Stati Uniti sospendono gli sfratti per guadagnare tempo per accelerare i fondi per l’assistenza all’affitto Reuters

[ad_1]

2/2

© Reuters. Foto del file: il 20 giugno 2021, un cartello “affitto” viene visualizzato di fronte a un condominio ad Arlington, Virginia, USA. REUTERS/Will Dunham

2/2

Ricco McKay

Il segretario al Tesoro di Atlanta (Reuters)-U.S. Janet Yellen ha dichiarato mercoledì che il suo dipartimento estenderà il divieto di sfratto residenziale di 60 giorni nel tentativo di accelerare l’assistenza agli affittuari e ai proprietari in difficoltà.

Secondo i dati del Dipartimento del Tesoro, circa 46 miliardi di dollari di fondi federali di assistenza locativa nel Coronavirus Relief Act approvato a dicembre e marzo dello scorso anno non possono essere utilizzati per le famiglie bisognose.A giugno, solo 3 miliardi di dollari USA è stato destinato in locazione., Utenze e spese accessorie.

La Yellen ha detto ai giornalisti dopo aver visitato un’agenzia di servizi sociali ad Atlanta che parte del problema è che l’assistenza abitativa viene fornita attraverso i governi statali e locali, che hanno poca esperienza nella gestione di tali progetti.

“Questa è un’infrastruttura nuova di zecca. La maggior parte dei governi statali e locali non ha agenzie per questo tipo di lavoro. I ritardi riflettono in una certa misura le difficoltà che incontrano quando iniziano cose nuove”, ha detto Yellen.

A giugno, le spese per l’assistenza agli affitti sono salite a 1,5 miliardi di dollari; Yellen ha affermato di aspettarsi ulteriori aumenti dei tassi di interesse in futuro.

Sebbene l’ultimo ordine di espulsione ordinato dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie sia scaduto il 31 luglio, l’amministrazione Biden, sotto la pressione dei Democratici progressisti, ha esteso l’ordine di espulsione nella maggior parte delle contee per 60 giorni, coprendo il 90% degli Stati Uniti. popolazione sopra.

Yellen ha affermato che l’estensione è molto importante e che nei prossimi due mesi il ministero delle Finanze “lavorerà duramente per far funzionare in modo più efficace il programma di assistenza per l’affitto di emergenza”.

Uno dei problemi individuati dal Dipartimento del Tesoro è che i requisiti statali o locali per i documenti di reddito sono troppo elevati e potrebbe essere difficile per le persone minacciate di sfratto fornire questi documenti.

Usalo o perdilo

In una dichiarazione separata, Wally Adeyemo, il viceministro delle finanze, ha affermato che alcune giurisdizioni ignorano la guida del ministero delle finanze secondo cui possono accettare le autocertificazioni degli affittuari sul loro stato di reddito. requisiti invece di quelli richiesti dal Ministero delle Finanze.

“Le agenzie statali e locali che gestiscono l’assistenza alla locazione di emergenza dovrebbero sfruttare appieno la flessibilità dei documenti fornita dal Ministero delle finanze”, ha affermato Adejemo, aggiungendo che il Ministero delle finanze ha emesso moduli di domanda di esempio per l’utilizzo da parte dei governi statali e locali nell’allocazione dei fondi In termini di raggiungimento di un maggiore successo.

Il ministero delle Finanze ha anche affermato che chiarirà alle giurisdizioni che attuano il piano di “sottoperformance” che se non si attivano per aiutare il maggior numero possibile di persone bisognose, potrebbero perdere l’assegnazione dei fondi per l’assistenza all’affitto.

Il dipartimento ha dichiarato di “riaffermare a tutti i beneficiari che il Dipartimento del Tesoro ha l’obbligo legale di ridistribuire i fondi dalle giurisdizioni inadempienti a partire dall’autunno”.

L’amministrazione Biden ha rivisto il programma di assistenza all’affitto a maggio per consentire agli intermediari di fornire assistenza direttamente agli affittuari prima di fornire assistenza ai proprietari per la prima volta.

Disclaimer: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidarsi a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *